Jennifer Lopez ‘paralizzata’ dagli attacchi di panico


Jennifer Lopez si è sentita fisicamente “paralizzata” durante alcuni attacchi di panico avuti a causa di un esaurimento psicofisico. La star 52enne ha parlato di un periodo difficile vissuto quando aveva 20 anni. Lavorava troppo e dormiva meno di cinque ore a notte. Stanchezza e stress la portarono ad avere dei sintomi terrificanti che sconvolsero la sua vita e la fecero sentire “completamente paralizzata”.
Parlando nella nuova newsletter ‘On the JLo’, ha scritto: “C’ero un’epoca della mia vita in cui dormivo 3-5 ore a notte. Ero sul set tutto il giorno e in studio registrazione tutta la notte, nel weekend giravo i video. Avevo meno di 30 anni e mi sentivo invincibile. Un giorno però ero seduta in camerino e tutto lo stress, la mancanza di sonno, mi hanno assalito”.
Jennifer ha continuato: “Mi sentivo completamente normale, poi pensando a quello che avrei dovuto fare quel giorno improvvisamente ho sentito che non potevo più muovermi. Ero completamente paralizzata e non riuscivo a neppure a vedere chiaramente”. Ha spiegato che quei sintomi “iniziarono a spaventarla e la paura aumentò moltissimo”.
La diva ha poi capito che i sintomi erano dovuti a un attacco di panico. Decise di apportare modifiche al suo stile di vita. Ha proseguito: “Ora so che era un classico attacco di panico dovuto all’esaurimento, ma all’epoca non avevo neanche mai sentito quel termine… La mia bodyguard mi aiutò e mi portò con l’auto dal dottore. Quando arrivai dal medico riuscivo almeno a parlare di nuovo. Ero terrorizzata. Chiesi al dottore se stavo impazzendo. Mi disse: ‘No, non sei pazza. Devi dormire… almeno 7 o 8 ore a notte, non bere caffeina e non dimenticarti di allenarti”.
“Capii quanto serie sarebbero state le conseguenze se avessi ignorato i segnali del mio corpo e della mia mente, lì è iniziato un percorso di benessere”, ha concluso.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli