John Cena definisce Taiwan un “Paese”: scoppia il caso diplomatico con la Cina

·1 minuto per la lettura

John Cena è finito al centro di un caso diplomatico per aver definito Taiwan un “Paese”.

Il caso è sorto in seguito a un’intervista rilasciata dall’attore durante la promozione di «Fast & Furious 9 - The Fast Saga» con un’emittente di Taiwan, che la Cina considera come suo territorio sovrano.

«Taiwan è il primo Paese che potrà assistere a F9», ha detto Cena in mandarino, provocando l’irritazione dei cinesi.

Pur non facendo riferimento al Taiwan, John si è immediatamente scusato con un video in cinese, lingua che studia da tanti anni.

«Mi dispiace per il mio errore. Devo dire ora che si tratta di una cosa molto, molto, molto, molto importante, e che amo e rispetto la Cina e il popolo cinese».

Cena ha aggiunto che di recente «ha dovuto fare molte interviste» e di aver «commesso un errore».

Ai box office cinesi, «Fast & Furious 9 - The Fast Saga» sta ottenendo un grande successo; nel weekend di apertura la pellicola ha incassato 136 milioni di dollari: soltanto «Avengers: Endgame», nel 2019, aveva debuttato con cifre superiori ai 100 milioni di dollari.

Cena si è unito al cast del franchise, in cui interpreta il fratello del personaggio di Vin Diesel.