John Travolta racconta la verità sul famoso ballo con Lady Diana, e no non è andata come pensavamo

·4 minuto per la lettura

Ricordate la fotografia scattata alla Casa Bianca che immortala Lady Diana Spencer mentre danza con John Travolta? Beh, quella famosa sera non è andata come abbiamo sempre immaginato. Almeno non del tutto. Ma andiamo con ordine.

Tutte, almeno una volta nella vita, abbiamo sognato di ballare con John Travolta. L’attore e cantante americano, protagonista di film cult come Grease, La febbre del sabato sera e Perfect, ha fatto innamorare intere generazioni. Ancora oggi lo ricordiamo nei panni di Danny Zuko mentre si muove sulle note di Greased Lightning. La sua voglia di ballare non si è ancora fermata, nemmeno ora che ha raggiunto con eleganza i 67 anni. È diventata virale la clip tratta da una pubblicità, proiettata durante l’intervallo del Super Bowl 2021, dove ripropone le mosse del musical, con la differenza che, questa volta, a danzare assieme a lui non c’è la timida Sandy (interpretata da Olivia Newton-John, ndr), ma sua figlia, Ella Bleu Travolta.

Insomma, l’idea che John Travolta ci tenda la mano e ci inviti sulla pista da ballo è ancora molto allettante, e sembra che non siamo state le sole ad aver avuto questa fantasia. Sembra infatti che quel 9 novembre del 1985 sia stata proprio la principessa del Galles ad aver espresso il desiderio di poter ballare con la star hollywoodiana.

Photo credit: Handout - Getty Images
Photo credit: Handout - Getty Images

Domenica 8 agosto è andata in onda sul canale americano PBS una nuova puntata della serie In Their Own Words, dedicata alle vite dei personaggi più influenti del mondo contemporaneo; il terzo episodio ha avuto come protagonista Lady D e la sua storia, raccontata dalle persone che l’hanno conosciuta da vicino. “Quando Diana arrivò in America non era più una giovane ragazza ingenua, era già diventata una grande celebrità. La D-mania si era diffusa in tutta la Gran Bretagna, e si stava espandendo anche nel resto del mondo”, spiega Kate Williams, storica della famiglia reale. Tra le voci che hanno ripercorso la sua vita c’era anche quella di Travolta, che per la prima volta ha svelato un retroscena inedito sulla serata alla Casa Bianca, e la notizia che ha subito fatto il giro di tutti i magazine britannici.

È il 1985, il presidente americano Ronald Regan e sua moglie Nancy sono noti per l’impeccabile eleganza con cui organizzano i loro party stellati. La sera del 9 novembre, il principe Carlo e sua moglie sono da poco atterrati negli Stati Uniti per iniziare il loro tour reale; la prima tappa è proprio il “palazzo” di Washington, dove ad attenderli non ci sono solo il presidente e la consorte, ma anche celebrità del calibro di Neil Diamond, Clint Eastwood e John Travolta. “Sentivo di essere una comparsa in una stanza piena di persone importanti”, racconta il ballerino del sabato sera, “Sono arrivato lì con molta umiltà e timidezza”.

La terza figura a giocare un ruolo chiave nell’iconico momento è proprio la first Lady americana: verso le dieci di sera Nancy Regan si avvicina all’attore e lo tocca sulla spalla: “Il sogno della principessa è di danzare con te, ti andrebbe di invitarla per un ballo?”. Travolta accetta: “Ho detto sì, ovviamente”. Proprio come nella più famosa delle fiabe, a mezzanotte la star di Hollywood prende Diana e la porta al centro della sala. “Tutta la stanza si è svuotata - ricorda - abbiamo danzato per quindici minuti”. Terminato il ballo, come un vero galantuomo, si inchina per salutare Lady D. “È stato come vivere in una favola, e alla fine di tutto la mia carrozza si è trasformata in una zucca”, conclude ridendo.

L’immagine, divenuta uno dei simboli della cultura pop contemporanea, è stata catturata dal fotografo della Casa Bianca Pete Souza, e ritrae la principessa avvolta in un abito di velluto blu notte, disegnato dallo stilista Victor Edelstein. Il vestito (passato alla storia come il “Travolta dress”) è stato venduto all’asta per centomila sterline nel 1997, per volontà della stessa Diana, che avrebbe poi donato il ricavato alle associazioni impegnate nella lotta contro l’Aids. “Chi mai immaginerebbe che un giorno potrebbe succederti una cosa simile? - riporta il quotidiano inglese Daily Mail, citando le parole dell’attore - sono stato intelligente abbastanza da registrare nella mia memoria quell’episodio come un momento davvero speciale”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli