Johnny Depp: in fumo oltre 22 milioni di dollari dopo le accuse di abusi

Per Johnny Depp era pronto un contratto da 22.5 milioni di dollari in vista delle riprese de «I Pirati dei Caraibi 6».

Come riferito dal suo agente al processo, il divo di Hollywood ha visto svanire l’ingente somma di denaro dopo le accuse di abusi domestici, reiterate dall’ex moglie Amber Heard in un articolo apparso sul Washington Post nel 2018.

Depp ora chiede un risarcimento da 50 milioni di dollari all’attrice, accusandola di avergli distrutto la carriera e la reputazione.

La legale della Heard, Elaine Bredehoft, ha insistito dicendo che la cifra proposta di 22.5 milioni di dollari non è mai stata scritta nero su bianco. Di contro Jack Whigham, manager di Johnny, sostiene che a far svanire l’opportunità è stato proprio l’articolo di Amber.

Whigham ha dichiarato che la Disney preferì andare «in una direzione diversa», a causa del «catastrofico impatto» delle dichiarazioni della Heard. «Dopo quell’articolo, era impossibile ingaggiarlo per un film dello studio», ha ribadito il manager.

«Io e Jerry Bruckheimer (produttore cinematografico, ndr) spingevamo affinché accadesse, avevamo la speranza. Ma all’inizio del 2019 era ormai chiaro che tutto fosse andato in fumo», ha aggiunto Whigam.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli