Kamala Harris è la prima vice presidente ad avere un nome nella lingua dei segni

·3 minuto per la lettura

Il simbolo del fiore di loto e tre dita a significare che è la prima donna, la prima donna nera e la prima donna di origini indiane a diventare la Vice Presidente degli Stati Uniti. Kamala Harris ora ha il suo nome nella lingua dei segni, ma ciò che è ancora più interessante e importante è il processo con cui le è stato assegnato, frutto dell'impegno di un gruppo di donne nere e indiane sorde che hanno deciso di farsene carico. "Ho notato che quelli che in genere guidavano le discussioni per assegnare i nomi erano solitamente uomini bianchi parte della comunità dei sordi", spiega Ebony Gooden che ha guidato il processo, "Ho sentito che non era giusto e ho deciso che era importante creare questo gruppo per le donne sorde nere e le donne sorde indiane. Ci siamo riunite tutte per discutere in modo sano e sicuro".

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

La difficoltà, come spiega Gooden in un video pubblicato da The Daily Moth, è stato mettere d'accordo le diverse sensibilità: "Onestamente, ho acquisito consapevolezza della mia identità e cultura nera solo quando durante le discussioni, ma non ero a conoscenza della cultura sorda indiana. Noi tendiamo ad essere rumorose e condividiamo direttamente ciò che abbiamo in mente, ma loro sono più tranquille e preferiscono discutere in privato". A suo parere è stato proprio questo processo condiviso a rendere il risultato ancora più importante: ora Harris ha il suo nome con cui l'intera comunità sorda può identificarla e allo stesso tempo ricordare il valore della prima vicepresidente. "Kamala" in sanscrito significa "fiore di loto", spiega Arlene Ngalle-Paryani, "Ecco in breve cosa significa fiore di loto: Purezza. Luce. Rinascita. Un fiore di loto ha radici forti che possono perforare la terra. Il fiore mostra la sua bellezza quando sboccia. È un'analogia con Kamala che è apparsa nel mezzo di un'America oscura e divisa. Porta luce e purezza. Rinascita". "Perché usiamo tre dita?" aggiunge, "È perché è la prima donna, la prima persona nera e la prima persona indiana, e l'abbiamo rappresentato nelle tre dita che sbocciano. Non è solo la prima, è tre volte la prima".

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Il gruppo ha dato il via a numerose discussioni per trovare il modo migliore per rappresentare Harris nella lingua dei segni. Sono state fatte diverse proposte che poi sono state votate dalla comunità sorda. Secondo Kavita Pipalia che ha partecipato alle discussioni, il processo è stato particolarmente importante per le donne sorde appartenenti a gruppi etnici marginalizzati. "Non è stato facile perché la comunità là fuori era negativa nei nostri confronti", ha commentato, "Spesso protestavano che li stavamo rifiutando. Ho detto 'Aspettate un minuto, no!' Non li stavamo affatto mettendo da parte. Abbiamo solo sentito che era giunto il momento per noi di unirci e di alzarci in piedi come donne. È tempo per di mostrare al mondo quanto siamo straordinarie". Il gruppo ha lavorato e sta lavorando anche a costruire e diffondere altri nomi in LIS di donne nere importanti come Michelle Obama, Rosa Park e Shirley Chrisholm. È l'inizio di un movimento, sta sbocciando come il fiore di loto.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli