Kim Kardashian: «Non ho rovinato l’abito di Marilyn Monroe»

Kim Kardashian nega di aver danneggiato l’abito di Marilyn Monroe.

Il vestito tempestato di cristalli, che l’icona di Hollywood indossò nel 1962 mentre intonava la famosa “Happy Birthday Mr. President” a John F. Kennedy, era stato prestato alla socialite dalla Ripley's Believe It or Not! in vista del Met Gala.

Dopo l’evento, il Marilyn Monroe Collection di Scott Fortner, il più grande museo privato sui cimeli di Marilyn, aveva denunciato una serie di danni all’abito, condividendo alcune foto a riprova della mancanza di alcuni cristalli.

Durante un’apparizione al Today Show, Kim ha seccamente smentito di aver arrecato dei danni all’outfit.

«Sono arrivata sul red carpet in accappatoio e ciabatte, ho indossato l’abito alla fine del red carpet, poi sono andata su per le scale e l’ho tolto. Lo avrò tenuto giusto tre o quattro minuti. Con la Ripley’s abbiamo lavorato molto bene insieme. Alcune persone munite di guanti mi hanno aiutato a indossarlo».

La Ripley’s ha negato l’indiscrezione la scorsa settimana, spiegando come «l’abito si trovasse nelle stesse condizioni di partenza», dopo la sfilata della Kardashian.

Per entrare nel vestito, la 41enne ha dovuto perdere ben 7 kg. La dieta è poi proseguita con la perdita di altri 2,5 kg.

«Mi ha insegnato molto sul mio lifestyle e la mia salute. Da lì in poi, ho continuato a mangiare in modo sano», ha spiegato Kim. «Ad oggi ho perso 9,5 kg. Non voglio più dimagrire, ma mi sento energica come non mai. Ho tagliato molti zuccheri dalla mia dieta, molti cibi spazzatura, molte fritture. Ho modificato completamente il mio stile di vita».

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli