Léa Seydoux è tornata e il suo nuovo taglio capelli è un inno estetico all'empowerment femminile

Di Redazione Digital
·2 minuto per la lettura
Photo credit: Toni Anne Barson - Getty Images
Photo credit: Toni Anne Barson - Getty Images

From ELLE

Era da qualche tempo che non vedevamo Léa Seydoux. L'avevamo lasciata alla Paris Fashion Week di marzo con un taglio medio mosso che avrebbe dettato grandissima tendenza nei mesi a venire - il wob - e questa settimana la ritroviamo protagonista su ben due testate internazionali, The Sunday Times Style e MarieClaire France, con un look completamente nuovo: un taglio capelli cortissimo con riga di lato che ci riporta ai tempi de Il blu è un colore caldo, e la fa sembrare molto più giovane dei suoi 35 anni. "Magari è una cosa molto francese da pensare, ma ho sempre avuto l'impressione che la bellezza emerga dalla sofferenza", racconta Léa nell'intervista rilasciata al settimanale inglese, e anche se non sappiamo a quale tipo di sofferenza faccia allusione l'attrice, la sua bellezza rimane una certezza nel firmamento del cinema francese e internazionale. In attesa di vederla nella nuova pellicola di Wes Anderson, The French Dispatch, accanto a niente meno che Tilda Swinton, Anjelica Huston, Bill Murray e Timothée Chalamet, abbiamo chiesto all'esperto i consigli per imitare il suo new look - ops, nouveau look.

"Quello di Léa Seydoux è un vero taglio netto, un look ben definito, delicato e deciso allo stesso tempo", commenta l'hairstylist Cristiano Filippini. "I capelli sono tagliati corti e leggerissimi grazie a un'ottima tecnica di scalatura, la texture è soffice e rende bello e pettinabile il look che è insieme semplice e sofisticato. La riga è bassa e i capelli naturalmente ondulati, il colore è una base dorata dello stesso identico colore delle sopracciglia con delle piccole mèches che danno dei piccoli punti luce", prosegue l'esperto. Che consigli darebbe a chi volesse imitare il nuovo taglio corto di Léa? "È un taglio che funziona alla grande su tutte le morfologie e per tutte le texture, molto bello sia sul liscio che sul riccio". La classe (francese) non è acqua.

Cristiano Filippini, fondatore di [#1]HAIRLAB, hairstylist dal 1996: "Ho sempre puntato tutto sull'aggiornamento, le nuove tendenze e la consulenza alla cliente finale, basandomi sulla morfologia, l'incarnato e il rispetto del capello e della sua portabilità". Lo trovate anche su Instagram come @cri.filippini.