L’Ecdc effettua una disamina generale sul virus che aveva generato un’allerta nel Regno Unito

I dati europei dell'epatite dei bambini dicono che il virus flette
I dati europei dell'epatite dei bambini dicono che il virus flette

Il bollettino del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie analizza l’epatite dei bambini e al 25 agosto censisce 513 casi da aprile, con un calo dei contagi censiti. Dopo gli studi che attribuirebbero la patologia ad alcune particolari circostanze biologiche di partenza l’Ecdc ha effettuato una disamina generale sul virus che aveva generato un’allerta nel Regno Unito il 5 aprile 2022.

Epatite dei bambini, 513 casi

Di quei 513 casi censiti 36 ci sono stati in Italia. Il report evidenzia un calo da alcune settimane e specifica anche che “non è ancora chiaro si tratti di un reale aumento rispetto al tasso base“. Ecco i casi segnalati attraverso il sistema di sorveglianza europea su 21 Paesi: Austria (6), Belgio (14), Bulgaria (1), Cipro (2), Danimarca (8), Francia (9), Grecia (12), Irlanda (26), Israele (5), Italia (36), Lettonia (1), Lussemburgo (1), Paesi Bassi (15), Norvegia (6), Polonia (18), Portogallo (20), Repubblica di Moldova (1), Serbia (1), Spagna (46), Svezia (12) e Regno Unito (273).

Tutti i numeri e gli esiti clinici

In più dall’ultimo bollettino, quello effettivo dello scorso 29 luglio sono stati segnalati 5 nuovi casi, in Irlanda e Polonia. Ecco le statistiche di incidenza anagrafica: il 76% dei casi ha 5 anni o meno. In ordine a quei 513 pazienti ci sono dati di esiti clinico solo di 344: 252 sono guariti, 89 sono sotto assistenza e 3 sono deceduti, per 89 si è reso necessario il ricovero in terapia intensiva e 22 hanno ricevuto un trapianto di fegato.