L’ex marito di Carolina di Monaco Ernst di Hannover condannato a 10 mesi di carcere (e il Principato trema)

Di Monica Monnis
·3 minuto per la lettura
Photo credit: Alain BENAINOUS - Getty Images
Photo credit: Alain BENAINOUS - Getty Images

From ELLE

Carolina di Monaco non ha avuto una vita sentimentale pari pari a quella delle "colleghe" principesse nelle favole. Il primo matrimonio con il banchiere parigino Philippe Junot di 17 anni più grande è durato due anni (per i tradimenti di lui), il secondo, quello con Stefano Casiraghi è finito in tragedia quel terribile 3 ottobre 1990. Anche le terze nozze del 1999 con il principe Ernest-Auguste di Hannover non sono andate per il meglio, pare per il carattere irascibile di lui e i suoi "vizietti", tanto che nel 2009 i due prendono vie separate (anche se ad oggi sono ancora legalmente sposati per questione di titoli e patrimonio). Ernst, papà della quarta figlia di Carolina, Alexandra, 20 anni, nonostante il suo esilio in Austria, negli ultimi anni ha fatto tremare il Principato, finendo su tutti i giornali per i suoi comportamenti sopra le righe e i problemi giudiziari. L'ultima news è di ieri: il 67enne, bisnipote dell’ultimo imperatore tedesco Guglielmo II, è stato condannato a 10 mesi di carcere per aver ferito un poliziotto lo scorso luglio.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

I fatti risalgono allo scorso 15 luglio. Siamo nella tenuta di caccia degli Hannover a Gruenau, quando il principe chiama la polizia convinto che un suo impiegato lo voglia uccidere. I poliziotti arrivano, ma si rendono subito conto dello stato alterato da alcol e farmaci del 67enne, che inizia a insultarli e minacciarli "con un affilacoltelli" e colpirli con violenza. Cinque giorni più tardi, le minacce a un altro agente "con una mazza da baseball", che gli era costato il ricovero in ospedale e il ritiro del permesso di caccia e del relativo porto d'armi. Durante l'udienza di ieri, come riporta Der Spiegel, un agente di polizia ha detto al pubblico ministero che Ernst August lo avrebbe "colpito in faccia" e un altro che "il principe tedesco, in stato di ubriachezza", lo avrebbe "afferrato per la testa e sbattuto a terra". Per questo il tribunale austriaco lo ha condannato a dieci mesi di carcere (pena sospesa) per "resistenza a pubblico ufficiale, lesioni personali gravi, minacce, intimidazioni e danni criminali" intimandolo di trovarsi una nuova residenza in Austria e di sottoporsi a delle sedute di psicoterapia.

Photo credit: Pascal Le Segretain - Getty Images
Photo credit: Pascal Le Segretain - Getty Images

Lo scorso settembre il principe, tra l’altro lontano cugino della regina Elisabetta II, era stato arrestato di nuovo per aver minacciato due suoi dipendenti, aver spaccato una finestra con un cartello stradale e per aver avuto un alterco violento con uno degli ufficiali di polizia intervenuti sul posto. Con l'accusa di resistenza a pubblico ufficiale, minacce pericolose e tentativo di coercizione, ha trascorso due notti nella prigione di Wels prima di essere rilasciato su cauzione.

Photo credit: Kerstin Joensson - Getty Images
Photo credit: Kerstin Joensson - Getty Images

Un carattere difficile, spigoloso e intransigente, basti pensare al suo rifiuto di accettare l'unione commoner del figlio Ernst August Jr, nato dal suo primo matrimonio con Chantal Hochuli, a causa delle origini non nobili della fidanzata e oggi moglie Ekaterina Malysheva (che pochi giorni fa ha annunciato di essere in attesa del terzo figlio ndr). Avvezzo ad alzare il gomito, conosciuto per i suoi attacchi di ira (famose le "ombrellate" a un fotografo nel 1998), che avrebbero spinto Carolina alla separazione nel 2009 ma non al divorzio: a corte si sussurra che lo abbia fatto per mantenere il titolo di altezza reale e per tutelare la figlia Alexandra (nel caso in cui Ernst non fosse più in grado di prendere decisioni, spetterebbe a lei gestire il suo patrimonio da 350 milioni di euro). Forse questa ultima batosta potrebbe farle cambiare idea.