L’imbarazzo di Adele durante lo shopping: “La mia carta di credito è stata rifiutata”

Succede a tutti, almeno una volta nella vita: lasciarsi andare a una sessione di shopping frenetico, riempirsi le braccia di abiti e accessori, arrivare alla cassa, consegnare la carta di credito e vedere lampeggiare la scritta “autorizzazione negata” per avere raggiunto la soglia massima di spesa mensile. Di certo non una tragedia, ma comunque imbarazzante, soprattutto sei sei una superstar, una stella del mondo della musica con un patrimonio stimato di 80 milioni di dollari.

La stella in questione è Adele, che con il consueto candore e la solita ironia ha rivelato in un’intervista di essere andata a fare spese nello store di H&M di San José, in California, per premiarsi (in versione low-cost) dopo le fatiche dell’ultima tappa del suo tour mondiale. Rigorosamente in incognito, probabilmente nascosta dietro un paio di occhialoni scuri e foulard per non farsi riconoscere, ha fatto incetta di capi d’abbigliamento come una qualsiasi shopping addicted e poi è andata alla cassa per pagare il dovuto. Peccato che la carta le abbia giocato un brutto scherzo, e non abbia funzionato per mancanza di credito.

E’ stato davvero un momento imbarazzante, per fortuna non mi ha riconosciuto nessuno, ma ero mortificata”, ha rivelato al Mirror l’artista britannica, che ha spiegato di essersi cavata d’impaccio scusandosi e allontanandosi velocemente dal negozio. E se pensava che la giornata non potesse peggiorare, ci ha pensato la sua bassottina, Lottie, che una volta fuori dal negozio, forse innervosita anche lei per l’esperienza appena passata, ha tentato di mordere un altro cane: “La mia gita da H&M è stata fantastica, insomma… ma nessuno sapeva che ero io, quindi credo di essermela cavata”. Di certo la prossima volta sia H&M, sia la banca di Adele faranno più attenzione.