L’Italia ha già battuto il record di medaglie paralimpiche a Tokyo, e questi sono gli atleti da conoscere

·2 minuto per la lettura
Photo credit: BEHROUZ MEHRI - Getty Images
Photo credit: BEHROUZ MEHRI - Getty Images

Ok, eravamo già partiti per Tokyo con numeri da record: la delegazione paralimpica è infatti la più numerosa di sempre con ben 113 campioni di 16 discipline e, di questi, sono 61 le atlete qualificate e 52 gli atleti. Non era, però, affatto scontato che si continuasse così e invece, dopo la prima settimana, gli azzurri hanno già totalizzato più medaglie rispetto alle Paralimpiadi del 2016 portando l'Italia al nono posto sul tabellone olimpico. Si va avanti quindi (fino al 5 di settembre) battendo i record uno dopo l'altro, basti pensare che nel 2016 le medaglie vinte erano state "solo" 39 e ora siamo già a 47: c'è decisamente da festeggiare.

Dodici ori, diciannove argenti e sedici bronzi: questa la situazione attuale per cui al momento solo Cina, Gran Bretagna, Russia, Stati Uniti, Olanda, Ucraina, Brasile e Australia ci hanno superati. Gli azzurri hanno decisamente trionfato nel nuoto: Yoko Stefano Raimondi ha vinto l'oro per i 100 metri a rana maschile, Giulia Terzi per i 100 metri a stile libero, Simone Barlaam per i 50 metri a stile, Arjola Trimi per i 100 metri a stile libero e per i 50 metri dorso. Francesco Bocciardo ha trionfato sia nei 100 metri che nei 200 a stile libero maschile aggiudicandosi due ori mentre Antonio Fantin ha vinto nei 100 metri a stile. Sempre oro anche per i 100 metri femminili a farfalla di Carlotta Gilli che ha anche segnato un nuovo record paralimpico nella disciplina e vinto l'argento per il 400 metri a stile libero e per i 100 metri a dorso. Anche la staffetta femminile 4x100 a stile libero ha trionfato guadagnandosi la medaglia più importante.

Le altre discipline, comunque, ci hanno regalato parecchie soddisfazioni: tra le altre, abbiamo vinto quattro medaglie d’argento nel ciclismo a cronometro, una nell’atletica leggera conquistata da Assunta Legnante per il lancio del disco che ha anche segnato un nuovo record europeo. Anna Barbaro e Veronica Yoko Plebani hanno vinto rispettivamente l'argento e il bronzo nel triathlon, mentre Sara Morganti ha vinto due bronzi nell'equitazione. Maria Andrea Virgilio ha vinto un bronzo nel tiro con l'arco, Carolina Costa nel judo e Luca Mazzone si è guadagnato un argento nella corsa su strada.

C'è stato poi naturalmente anche l'oro di Bebe Vio nel fioretto individuale (l'unico oro al di fuori del nuoto, per il momento) e l'argento nel fioretto femminile a squadre. Mancano ancora alcuni giorni alla conclusione e, se i nostri atleti continueranno così, possiamo davvero aspettarci uno straordinario record di medaglie. Noi continuiamo a tifare da qui: forza azzurri, siamo tutti con voi!!

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli