La battaglia di Elisa per l'ambiente: ‘Non è accettabile’


Elisa Toffoli, meglio conosciuta solo come Elisa, durante un'intervista rilasciata a "Il Fatto Quotidiano" è tornata a parlare della sua battaglia in difesa dell'ambiente.
All'interno della manifestazione musicale, che si sta svolgendo in questi giorni a Verona, l'artista ha fatto installare il "Green Village", luogo di incontri, interviste e ovviamente musica.
"La realizzazione di questo evento è stato davvero un grande sogno che si è realizzato. È stata la cosa più grande e ambiziosa che io abbia mai fatto e che va al di là della musica", ha dichiarato.
"Facciamo parte di questo mondo e non lo sosteniamo né lo possediamo, nessuna altra specie lo possiede. Il mondo è il posto che ci contiene tutti e dove tutti ci viviamo insieme. Spero che il rispetto per l’ambiente diventi sempre di più una tendenza, una cosa normale", ha aggiunto.
Elisa ha sottolineato: "Bisogna prendersi le proprie responsabilità attraverso una evoluzione mentale fatta anche di consapevolezza".
La 44enne si è detta molto rammaricata per il fatto che ancora molti giovani non siano sensibili a questo tema.
"Ho visto ragazzini fumare una sigaretta e buttarla per strada, così come le bottigliette di plastica. Ci rivolgiamo a loro: questo non è accettabile e non deve essere normalità. Dobbiamo combattere l’indifferenza. Da qualche parte bisogna iniziare", ha affermato.
Ha poi concluso: "Io stessa mi sono accorta di essere in ritardo, ma sono riuscita a trovare tutto quello di cui avevo bisogno per partire e contribuire il più possibile per raggiungere i nostri obiettivi eco-sostenibili entro il 2025. Cercherò di essere utile in qualsiasi modo possibile".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli