La biologa riporta uno stravagante studio del MIT di Boston

·2 minuto per la lettura
Barbara Gallavotti suono tosse
Barbara Gallavotti suono tosse

La biologa Barbara Gallavotti nel suo consueto intervento intervento a DiMartedì su La7, ha riportato un’interessante studio condotto dal MIT di Boston che sottolinea come dal suono della tosse sia possibile riconoscere chi è positivo asintomatico al covid e chi invece non è infetto. “È uno studio curioso – ha detto la biologa- tant’è che anche io la prima volta che l’ho sentito pensavo fosse uno scherzo. Poi sono andata a controllare se era stato pubblicato e l’ho trovato”.

Barbara Gallavotti e lo studio sul suono della tosse

“Lo studio – prosegue la Gallavotti – parte dal fatto che quando qualcuno tossisce ed è asintomatico il suono che produce con il suo colpo di tosse è diverso dal suono prodotto da una persona che non è stata infettata. È un qualcosa che a orecchio forse non riusciamo a distinguere, però un programma di intelligenza artificiale può cogliere una differenza con un’accuratezza non tanto dissimile da quella di un tampone”.

Questa ricerca per la biologa e per gli scienziati del MIT che l’hanno condotta potrebbe avere dei risvolti pratici molto utili nella vita di tutti i giorni: “L’idea dei ricercatori è dunque quella di creare una app in modo che tutti noi possiamo tossire sul cellulare prima di uscire di casa e capire se si è infetti o meno”. L’applicazione potrebbe avere dunque una grande utilità, ma, per stessa ammissione della Gallavotti, le app contro il covid in Italia sembrano non avere grande successo. Il riferimento in tal senso è naturalmente ad Immuni e a tutte le sterili polemiche nate sul suo utilizzo.