La caffeina contro il deficit di sonno? Una cattiva idea

·1 minuto per la lettura

È vero che la caffeina ci aiuta a restare svegli quando abbiamo perso ore di sonno importanti, ma non è nostra alleata se dobbiamo portare a termine compiti di un certo spessore.

Gli esperti della Michigan State University hanno monitorato 275 individui a cui è stato chiesto di svolgere dei semplici compiti dopo una scarsa notte di sonno. La maggior parte dei volontari è riuscita a portare a termine quanto richiesto dopo una regolare dose di caffeina, ma la performance è stata tutt'altro che brillante.

«La caffeina può migliorare la nostra abilità di rimanere svegli e di svolgere un compito, ma non aiuta nella prevenzione di errori di procedura che possono causare problemi gravi, come errori medici o incidenti stradali», ha dichiarato la leader dello studio Kimberly Fenn, che rivolge un pensiero particolare a piloti, poliziotti, chirurghi e altri professionisti che svolgono quotidianamente compiti estremamente importanti.

La carenza di sonno è un problema generale che ha subito un forte aumento a causa della pandemia del Covid-19. I suoi effetti, a lungo andare, possono influenzare le nostre funzioni cognitive ed avere un impatto negativo nella nostra vita, anche a livello professionale.

«Anche se le persone sentono di poter combattere la carenza di sonno con la caffeina, la loro prestazione nello svolgere compiti importanti è comunque compromessa», continua l’esperta. «Questa è una delle ragioni per cui la carenza di sonno può essere così pericolosa».

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli