La camicia azzurra di Anna Tatangelo (non) è una semplice camicia, e detta tendenza assoluta

·2 minuto per la lettura
Photo credit: Stefania D'Alessandro - Getty Images
Photo credit: Stefania D'Alessandro - Getty Images

Anna Tatangelo colpisce ancora. La cantante di Sora ha lasciato noi e i suoi follower a bocca aperta con il suo ultimo scatto Instagram: "Essere una donna, non vuol dire...", scrive Anna Tatangelo su Instagram. Una frase tratta dalla canzone Essere una donna, scritta da Mogol. "Non vuol dire solo riempire una minigonna", e in questo caso effettivamente la minigonna non c'è. C'è al suo posto una camicia azzurra, ampia, elegante e semplicemente perfetta che esalta la bellezza della cantante. Osservando il look di Anna Tatangelo, sembra che la camicia (azzurra, ma non solo) sia l'unico capo imprescindibile del guardaroba femminile questa stagione.

Dopo la fine della sua storia d'amore con Gigi D'Alessio e l'inizio di una nuova relazione con Livio Cori, quest'anno Anna Tatangelo è tornata sotto i riflettori con il suo nuovo album intitolato Anna Zero, che segna la sua rinascita. Proprio come una fenice, la cantautrice che ha incantato tutti al Festival di Sanremo 2002 quando ha vinto nella sezione giovani, è tornata con un nuova canzone e video musicale in collaborazione con la rapper Beba. Ed eccola posare per uno shoot fotografico più splendida che mai. Un fondale neutro, uno sgabello di legno, una camicia azzurra e nient'altro a sottolineare che la bellezza vera, quella genuina e che ha il sapore di una rinascita non ha bisogno di alcuna sovrastruttura.

Puro fascino che trasmette potere decisionale, assertività e self-confidence. Tutto questo in una semplice camicia? Direte voi. Ma non è mai solo una camicia. La prima apparizione della camicia fece scandalo. Era il 1793 e fu indossata da una regina, dipinta su tela: Marie Antoinette in muslin dress. Coco Chanel stravolse la moda del suo tempo scegliendo una camicia maschile, capo molto amato anche da Marlene Dietrich negli Anni 30. Le icone degli Anni 40 e 50 – Grace Kelly, Katharine Hepburn e Audrey Hepburn – la trasformarono in un capo cult. Oggi dimenticate i modelli classici, perché alla camicia è concesso di tutto.

La camicia azzurra indossata da Anna Tatangelo è firmata Valenti, un brand nato nel 2018 che incarna una miscela di passato e presente con arte, musica e cinema che influenzano tutte le sue creazioni. La creatività della camicia prende vita attraverso la reinterpretazione di un pezzo iconico, ridisegnato attraverso l'utilizzo di tessuti non convenzionali e silhouette ispirate alle muse degli Anni 80. La camicia azzurra è stata realizzata ad hoc e su richiesta per Anna Tatangelo, la filosofia del brand è infatti quella di abolire la produzione di massa per evitare sprechi e creare prodotti sartoriali che durino per sempre. E così il maxi colletto maschile si unisce a un sensuale bustier nella perfetta sintesi della rinascita di Anna Tatangelo e della camicia classica.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli