La confessione di Leni Klum è la missiva del Cosmo di oggi: "Questa è la mia pelle nei giorni no, quindi?!"

Di Redazione Digital
·2 minuto per la lettura
Photo credit: Getty Images
Photo credit: Getty Images

From Cosmopolitan

Era ora! Le celeb di tutto il mondo stanno abbandonando il velo patinato che spesso le circonda, lasciandosi andare sui social a candidi momenti di "vita vera" di cui avevamo bisogno. In quello che sembra un magico paradosso, ecco che la freschissima cover girl di Vogue Germania Leni Klum si mostra su Instagram al naturale, parlando della sua acne con una frase che dobbiamo ripetere come un mantra nelle giornate no. Accanto quindi a scatti di alta moda per la rivista, in compagnia della madre Heidi Klum, ecco che Leni si apre alla sua verità, raccontando un problema che accomuna tanti ragazze e ragazze in tutto il mondo.

Dopo la super confessione di Keke Palmer e quella di Matilda De Angelis, Instagram diventa luogo etereo in cui parlare (ancora una volta) di acne e oggi tocca a Helene Boshoven Samuel, questo il vero nome di Leni Klum, che decide di mostrare ai suoi followers l'aspetto della sua pelle nei "giorni no". "Questa è la mia pelle in un bad day. #nomakeupday #nofilter #sowhat" con l'ultimo tag che significa qualcosa come "e quindi?!", sottolineando il fatto che sia una condizione normale, una foto che non deve destare particolare attenzione.

Ben oltre 100mila followers hanno apprezzato il gesto della figlia di Flavio Briatore, ringraziandola per aver postato un momento reale della sua vita senza filtri e per aver aggiunto un mattone alla causa della normalizzazione dei problemi della pelle (anche) sui social. Al post si è poi aggiunta una story in cui la sedicenne mostra il viso da diverse angolazioni, aggiungendo alla clip un messaggio "pelle in brutte condizioni, passerà anche questo" e regalandoci la perla di oggi da ripeterci ad ogni ostacolo: non arrendersi ma nemmeno trovare un cruccio nelle imperfezioni naturali perché passeranno, proprio come passa tutto il resto. Grazie, Leni!