La coperta di cashmere, il lusso confortevole dell'inverno

Di Redazione Digital
·1 minuto per la lettura
Photo credit: Courtesy Photo
Photo credit: Courtesy Photo

From ELLE Decor

Come ci ha insegnato il fumettista statunitense Charles M. Schulz con le sue vignette dei Peanuts, una coperta è anzitutto un oggetto di conforto, un accessorio che regala un po’ di calore in più ogni volta che ne abbiamo bisogno (in senso didascalico e metaforico) e che, drappeggiato su un letto o un divano, fa sembrare un ambiente più accogliente e rilassato. Le coperte di cashmere, in particolare, in inverno sono piccoli lussi in cui il calore incontra una leggerezza, una ricchezza e una morbidezza che nessun altro materiale sa eguagliare.

Da regalare, o da regalarsi, le coperte in cashmere di C&C Milano aggiungono alla preziosità del materiale e della fattura artigianale un valore in più: la collaborazione con San Patrignano, una comunità che dalla fine degli anni ’70 offre una seconda possibilità alle persone che intraprendono un percorso di liberazione dalle dipendenze e dall'abuso di sostanze insegnando loro mestieri artigianali d'eccellenza.

Photo credit: Courtesy Photo
Photo credit: Courtesy Photo
Photo credit: Courtesy Photo
Photo credit: Courtesy Photo

A realizzare le coperte in cashmere, alpaca e lana di C&C Milano sono infatti 40 donne che lavorano sui telai a mano in legno del centro di tessitura di San Patrignano, riprodotti negli anni ’80 prendendo a modello i telai originali di fine ‘700.

Declinate nei toni naturali della terra, queste coperte abbinano al fascino tradizionale del cashmere finiture esclusive sviluppate appositamente dall'azienda tessile milanese, come la felted slik del plaid Ofelia (foto di apertura).

Dalla collaborazione tra C&C Milano e San Patrignano nascono anche sciarpe e altri accessori per la casa, tutti connotati dalla realizzazione a mano e dagli altissimi standard qualititativi.

Photo credit: Courtesy Photo
Photo credit: Courtesy Photo
Photo credit: Courtesy Photo
Photo credit: Courtesy Photo

www.cec-milano.com