La figlia di Bruce Springsteen parteciperà alle Olimpiadi di Tokyo 2021

·2 minuto per la lettura
Photo credit: David M. Benett - Getty Images
Photo credit: David M. Benett - Getty Images

Jessica Springsteen andrà alle Olimpiadi di Tokyo 2021. E no non è un caso di omonimia. A portare in Giappone la bandiera statunitense sarà proprio la figlia di Bruce Springsteen e Patti Scialfa, convocata insieme a Kent Farrington, Laura Kraut e McLain Ward per difendere i colori degli Stati Uniti nell'equitazione. Per chi non lo sapesse infatti la figlia del Boss è una cavallerizza provetta e la sua passione per i cavalli è sconfinata. 29 anni, di cui 25 passati sulla sella, Jessica è cresciuta insieme ai fratelli Evan e Sam a pochi metri dall'allevamento di famiglia di Colts Neck Township nel New Jersey, lontana dai paparazzi e immersa nella natura.

Photo credit: Davide Mombelli - Corbis - Getty Images
Photo credit: Davide Mombelli - Corbis - Getty Images

"Ho iniziato a cavalcare quando ero davvero piccola. Mia madre ha sempre voluto cavalcare, quindi quando ci siamo trasferiti nel New Jersey ha iniziato a prendere lezioni – aveva detto a People –. La nostra casa è proprio dall'altra parte della strada rispetto a uno dei migliori allevamenti di cavalli junior e io sono andata proprio in quello da ragazza". Troppo piccola per montare un cavallo, a sei anni riceve in regalo il primo pony ed è amore a prima vista. Cavalcare è la sua passione, ma gli ostacoli sono la sua specialità tanto che ancora bambina vince la Washington International Pony Equitation Classic Final e nel 2008 si aggiudica l'Aspca Maclay National Championship in un ride-off, dove si fa notare per la sua guida particolarmente audace. L'anno dopo è la volta del George H. Morris Excellence in Equitation Championship.

Photo credit: Mike Hewitt - Getty Images
Photo credit: Mike Hewitt - Getty Images

Nel 2011 comincia a gareggiare nella categoria adulta accanto al fedele compagno Vordnado Van Den Hoendrik, con cui partecipa al Royal Windsor Horse Show, ma è con lo stallone belga Don Juan Van de Donkhoeve di 12 anni che la Springsteen ottiene i suoi risultati più importanti prima in Coppa del Mondo e poi al Rolex Grand Prix di Roma, con un bronzo che vale oro. Ed è proprio con il suo Don che quest'estate cercherà di tenere alto il nome della squadra statunitense, dopo che alle Olimpiadi di Londra del 2012 aveva partecipato solo come riserva e quattro anni più tardi a Rio non era stata nemmeno convocata. Ma il duro lavoro paga sempre e oggi Jessica Springsteen è 27esima nella classifica mondiale e si prepara a varcare le porte di Tokyo.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

"È da quando ho memoria che sogno una cosa del genere – ha scritto dal suo profilo social la cavallerizza a poche ore di distanza dall'annuncio ufficiale del comitato olimpico –. Infinita gratitudine alla mia squadra, ai miei amici, alla mia famiglia che mi ha aiutato a rendere tutto questo possibile. Andiamo a Tokyo!". E dopo aver ricordato le sue compagne di squadra che, come lei, faranno di tutto per difendere i loro sogno olimpico, il pensiero va al suo inseparabile compagno: "Non c'è cavallo al mondo con cui preferirei essere in questo viaggio, grazie Don! Sei il cavallo della mia vita".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli