La Francia sta creando dei soldati cyborg, il che è un tantino inquietante

Di Redazione
·2 minuto per la lettura
Photo credit: Orion Pictures - Getty Images
Photo credit: Orion Pictures - Getty Images

From Esquire

Se non siete ancora pienamente convinti che stiamo vivendo in un romanzo di fantascienza distopica, e Cyberpunk 2077 vi sembra "solo" un videogioco, allora sentite questa: le forze armate francesi stanno sviluppando miglioramenti tecnologici al fine di preservare la "superiorità operativa" dei loro militari. Cyborg?

Viene dichiarato a un panel sulla bioetica militare, in cui si discute della natura di questi potenziamenti, che secondo la CNN migliorano le capacità fisiche, cognitive, percettive e psicologiche dei soldati. In sostanza soldati ibridi tra uomo e macchina, quelli da cui la storia del cinema e dei fumetti ci ha sempre messo in guardia.

Photo credit: Orion Pictures - Getty Images
Photo credit: Orion Pictures - Getty Images

Scherzarci sopra viene un po' troppo naturale, ma naturalmente la questione è molto seria. Anche la Cina, ad esempio sta conducendo esperimenti biologici per migliorare le prestazioni del suo Esercito popolare di liberazione. Nel contesto di queste tecnologie rientra lo sviluppo di cure cure mediche per prevenire il dolore, lo stress e l'affaticamento, e sostanze che migliorerebbero la resilienza mentale se un soldato venisse fatto prigioniero.

Tuttavia esistono delle limitazioni a tutto questo, problemi di natura etica che diventano evidentemente giganteschi. I militari non possono utilizzare tecnologie che interferiscano con l'umanità fondamentale di un soldato. I soldati devono mantenere il libero arbitrio ed essere in grado di scegliere il livello di forza che impiegano; per esempio un potenziamento bionico potrebbe non costringere un soldato a usare una forza letale quando la forza non letale è la scelta chiara.

Infine, questo mette i brividi, la bionica non deve interferire con il reinserimento di un soldato nella vita civile, quindi nessuna protesi di metallo può uscire dalle braccia o dal cranio dei veterani. Perché poi magari per loro è difficile tornare a casa e cambiare lavoro e farsi una famiglia. Grazie mille, molto premurosi.

Photo credit: Paul Campbell - Getty Images
Photo credit: Paul Campbell - Getty Images

La Cina però questi problemi neanche se li pone e le sue affermazioni sono di questo calibro: "Non ci sono confini etici alla ricerca del potere da parte di Pechino".

C'è però un fine nobile a questo tipo di ricerche e di sviluppi riguardanti tecnologie e genetica e se ne sta occupando la DARPA (Defense Advanced Research Projects Agency). Trattare, curare e prevenire disturbi cerebrali come il morbo di Alzheimer, l'epilessia e le lesioni cerebrali traumatiche. Aiutare disabili o alle persone affette da patologie croniche, consentendo a tetraplegici e paraplegici di controllare arti artificiali o sedie a rotelle, interfacciarsi direttamente con i computer o interagire con tutta una serie di dispositivi wireless.

Ma l'uso che se ne farà è ancora incerto. Se finirà in mano all'esercito come sembra allora faremo un altro passo verso il lato sbagliato del futuro.