La meravigliosa e abbandonata "città delle perle" è in vendita, in Australia

Di Redazione
·2 minuto per la lettura
Photo credit: John W Banagan - Getty Images
Photo credit: John W Banagan - Getty Images

From Esquire

Cossack è una piccola cittadina australiana, incastonata nella costa ovest, la più remota e incontaminata di tutta l'Australia. Da oggi però Cossack è qualcosa in più: è una città in vendita. Era stata abbandonata circa settanta anni fa, e oggi le sue strade deserte, le case, le colline tutto intorno sono finite, in blocco, sul mercato.

Cossack si trova sul mare, a un migliaio di chilometri a nord di Perth. Per quanto piccola, questa cittadina ha una storia affascinante: fu il primo avamposto della ricerca di perle da parte dei coloni inglesi, che con violenza presero possesso di quel territorio e di chi lo abitava da migliaia di anni, cioè gli aborigeni.

Per quanto sia abbandonata da decenni, per qualche ragione, la cittadina non è decadente, ma ben curata. Gli edifici sono in buone condizioni, le strade ancora percorribili e le spiagge pulitissime. Per molti questa è un'oasi di tranquillità assoluta, in cui domina la pace e il silenzio assoluto, interrotto solo dal rumore del mare.

Photo credit: Col Roberts - Getty Images
Photo credit: Col Roberts - Getty Images

L'industria della raccolta delle perle è stata dismessa nel 1910, quando a Cossack si preferì un porto poco più a nord. Le violenze e gli abusi sulla popolazione aborigena, però, non si fermarono: non solo gli adulti, ma anche i bambini venivano costretti a lavorare per raccogliere le perle, immergendosi in modo sempre più pericoloso per raccoglierne in grandi quantità. I colonizzatori, poi, rivendevano le perle sul mercato in modo enormemente proficuo, continuando a schiavizzare la popolazione nativa.

Queste atrocità hanno segnato il territorio, ma non sono state dimenticate. C'è una targa in città a ricordare quel triste periodo, e chiunque riuscirà ad aggiudicarsi la splendida cittadina erediterà anche quella.

La città, una volta comprata, potrebbe trasformarsi in una grande attrazione turistica con alberghi, alloggi ecosostenibili, bar, gallerie e aree di sosta. Cossack, insomma, potrebbe cambiare radicalmente, ma non è detto, se chi la compra volesse aspettare o averla soltanto come un investimento o uno sfizio potrebbe anche rimanere una città piccola e semi-fantasma. Proprio come gli australiani la conoscono da decenni.

Al momento il "proprietario" della cittadina è governo australiano, in particolare quello federale del Western Australia. Stando a quanto ha affermato Natasha Mahar, CEO del North West Tourism Board dello stato, il destino ideale di Cossack sarebbe come centro di un'attività turistica indigena incentrata sulla storia delle perle. Staremo a vedere.