La presenza femminile durante il parto: una figura importante

presenza femminile durante il parto
presenza femminile durante il parto

Nel corso di nove mesi selvaggi di cambiamenti del corpo e di alti e bassi emotivi, una presenza femminile durante il parto potrebbe essere miracolosa. Mentre la maggior parte delle future mamme sceglie ancora il medico per gestire il parto, il numero di donne che scelgono di avere un parto assistito da un’ostetrica è in aumento. Dal 1989 al 2002, il numero di parti assistiti da ostetriche è raddoppiato e, dal 2009, le ostetriche assistono circa l’8% dei parti a livello nazionale. Pur essendo ancora una piccola percentuale, è in costante aumento e mostra un cambiamento nelle modalità con cui le madri scelgono di partorire. E non si fermano alle ostetriche.

Se siete interessate a far partecipare un’ostetrica o una doula al vostro grande giorno, continuate a leggere per conoscere il tipo di supporto che possono fornire.

L’importanza della presenza femminile durante il parto

Il termine “ostetrica” deriva dall’inglese midwife che significa “con” e wif che significa “donna”. Quindi, un’ostetrica è una persona che sta letteralmente con la partoriente. Anche se l’etimologia può sembrare semplice, le ostetriche sono esperte nella pratica della medicina e sono in grado di fornire assistenza prenatale alle future mamme e di far nascere i loro bambini quando è il momento. Offrono un approccio olistico alla nascita, consentendo alla madre di fidarsi del proprio corpo per fare ciò che deve fare.

la presenza femminile durante il parto
la presenza femminile durante il parto

Esistono tre tipi di ostetriche e il luogo in cui si intende partorire (ospedale, centro per il parto o casa) influisce sulla scelta. Un’ostetrica infermiera certificata (CNM) è un’ostetrica che proviene da una formazione infermieristica e ha conseguito un master o un dottorato nella sua specialità. Un’ostetrica certificata (CM) in genere non proviene da una formazione infermieristica, ma ha frequentato una scuola per praticare l’ostetricia. Sia le CNM che le CM sono in grado di far partorire in ospedale, in un centro per il parto e a domicilio.

Un’ostetrica professionista certificata (CPM) frequenta una scuola specifica per l’ostetricia. Secondo Midwife International, è l’unica credenziale di ostetricia “che richiede conoscenze ed esperienza in contesti extraospedalieri”. Le CPM assistono le nascite nei centri per il parto e le nascite a domicilio.

La doula

Una doula è un’altra persona che potreste considerare di aggiungere al vostro team di nascita. Il ruolo di una doula non è quello di fornire assistenza medica, ma piuttosto di offrire sostegno alla madre. Dopo aver ottenuto la certificazione di doula (CD), le doule fungono da avvocato durante il travaglio e il parto. Ma il rapporto inizia molto prima del grande giorno: qualche mese prima dell’arrivo previsto del bambino, potete iniziare a incontrare la vostra doula e a costruire una base di fiducia e sostegno. Potreste discutere delle vostre paure, delle vostre preoccupazioni e della vostra visione del parto.

La scelta è vostra

Determinare il tipo di assistenza e supporto che desiderate per la gravidanza, il parto e oltre è una decisione profondamente personale. Se siete indecise tra ostetrica e ginecologo, prendete in considerazione la possibilità di fare un colloquio con operatori di entrambi i settori per capire quale vi sembra più adatto. Chiedete se l’ostetrica ha i privilegi per il parto, se la vedrete personalmente a ogni appuntamento o a rotazione con altri membri dello studio, e quanto spesso i suoi pazienti richiedono il parto cesareo.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli