La Regina degli scacchi diventa una stanza di un hotel: a Lexington, la suite è davvero speciale

Di Redazione Digital
·2 minuto per la lettura
Photo credit: Courtesy Photo The Harmon Room
Photo credit: Courtesy Photo The Harmon Room

From ELLE Decor

Cavalieri e regine, siete tutti invitati: a Lexington, negli Stati Uniti, un hotel ha da poco inaugurato The Harmon Room, una suite ispirata alla mitica The Queen's Gambit. I riferimenti alla celebre miniserie che, con un audience di circa 62 milioni di persone, è diventata la produzione esclusiva Netflix, con sceneggiatura non originale, più vista di sempre, sono chiarissimi: le geometrie della carta da parati e il tocco rétro del legno e delle nuance pistacchio traghettano gli ospiti del 21c Museum Hotel dritto dritto nei luoghi di Elizabeth Harmon, l'enigmatica e ipnotizzante protagonista della serie.

Photo credit: Courtesy Photo The Harmon Room
Photo credit: Courtesy Photo The Harmon Room
Photo credit: Courtesy Photo The Harmon Room
Photo credit: Courtesy Photo The Harmon Room

L'iniziativa si inserisce in un programma di riqualificazione turistica della città che, famosa per la sua tradizione ippica, è stata scelta come teatro in cui ambientare le avventure sportive (e non solo) di Beth anche da Walter Trevis, autore del romanzo che ha ispirato i registi Scott Frank e Allan Scott. “The Queen's Gambit ha puntato i riflettori su Lexington e ha suscitato l'interesse della gente per la nostra comunità. È un momento in cui abbiamo davvero bisogno di una spinta in più", ha dichiarato Gathan Borden, VisitLEX VP of marketing. "La stanza e tutte le attività che abbiamo pianificato intorno ad essa sono sia un'idea per accogliere al meglio i visitatori, sia un altro divertente esempio del modo in cui usiamo la creatività per promuove la nostra incredibile terra".

Photo credit: Courtesy Photo The Harmon Room
Photo credit: Courtesy Photo The Harmon Room
Photo credit: Courtesy Photo The Harmon Room
Photo credit: Courtesy Photo The Harmon Room

Simile a una macchina del tempo, The Harmon Room proietta in un baleno gli ospiti nell'immaginario filmico. Complice la scelta dell'arredamento e la collaborazione con la designer Isabel Ladd: tra mobili d'epoca rinvenuti grazie a collezionisti privati e oggetti scovati all'interno di un negozio di antiquariato locale, l'atmosfera restituita è un parentesi atemporale in cui immergersi piacevolmente. E se il tavoliere a bordo letto è un piccolo dettaglio che potevamo aspettarci di vedere, l'installazione della scacchiera sul soffitto, che cita le allucinazioni notturne di Elizabeth, è il vero scacco matto dell'ospitalità a tutta la serie tv.


Photo credit: Courtesy Photo The Harmon Room
Photo credit: Courtesy Photo The Harmon Room