La Regina Elisabetta torna ai suoi impegni ufficiali dopo la morte di Filippo, è lei la vera iron lady

Di Elisabetta Moro
·3 minuto per la lettura
Photo credit: Dan Kitwood - Getty Images
Photo credit: Dan Kitwood - Getty Images

"Come farà la Regina?", "Riuscirà a riprendersi?", "Dovrà abdicare?". Dall'annuncio della morte del Duca di Edimburgo queste domande circolavano in tutto il mondo. Erano dubbi in buona fede: dopo 74 anni di matrimonio non è cosa da poco abituarsi a stare da soli, a vivere senza la persona che ci è stata accanto nella buona e nella cattiva sorte e Her Majesty, dopo tutto, è umana e ha sempre dichiarato che suo marito è stato il suo appoggio per tutta la vita. Domande legittime, quindi, che però avevano evidentemente dimenticato un particolare: l'immensa forza di carattere della sovrana e il suo "matrimonio" con la Corona. Queen Elizabeth, a neanche un mese dalla morte del principe Filippo, è tornata ai suoi impegni ufficiali dimostrando di essere lei la vera iron lady d’Inghilterra.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

L'avevamo appena vista al funerale, così sola vestita di nero sui palchi della chiesa e visibilmente provata nel dire addio al suo compagno di una vita. Ora invece - nell'ultimo post pubblicato dall'account Instagram della royal family - sembra un'altra persona: la solita Regina di sempre, con il suo sorriso gentile, la collana di perle e un vestito floreale sui toni dell'azzurro. I suoi impegni ufficiali non potevano certo essere rimandati e così, dopo due settimane di lutto formale, martedì Her Majesty è comparsa via Zoom dal Castello di Windsor per accogliere gli ambasciatori della Lettonia e della Costa d'Avorio in visita a Buckingham Palace. In realtà, come precisa la BBC, questo è stato solo il primo incontro a venire fotografato ma in realtà Queen Elizabeth ha continuato a lavorare durante tutto il periodo di lutto. Ha tenuto il suo primo evento di persona il 13 aprile per l'investitura di Earl Peel, che stava abbandonando il suo ruolo di Lord Chamberlain e il giorno dopo, poi, ha dato il benvenuto al suo nuovo Lord Chamberlain, il barone Parker.

Photo credit: WPA Pool - Getty Images
Photo credit: WPA Pool - Getty Images

Sono tutte incombenze di corte, forse non troppo impegnative, ma chi ha vissuto una perdita sa benissimo che a volte è difficile persino alzarsi dal letto. E quindi come fa la Regina a non crollare mai a non dire "Basta, oggi non ci sono per nessuno" come forse faremmo noi? Da dove le deriva questa forza che, almeno dal di fuori, sembra invincibile, incredibile per una persona di 95 anni? La risposta sta nella sua stessa vita, passata ogni giorno a dedicarsi a qualcosa di più grande, alla Corona, al Regno, al Paese. La sovrana ha sempre messo al primo posto il dovere, il suo essere una figura istituzionale fino all morte. Per lei non ci sono mai state scelte di vita personali, sogni da raggiungere, ma solo una ferrea fedeltà al suo ruolo. Ed è proprio questo mettersi in secondo piano - mettere da parte anche il dolore - per una causa più grande in cui si crede che, in un mondo dove l'individualismo regna, nel bene e nel male ci sembra appartenere ad un'altra epoca. E fa sorgere in noi un solo sentimento: l'ammirazione.