La rivincita di Politano al Napoli: ora Callejon ha un erede

Alessio Eremita
·1 minuto per la lettura

"Quando sono arrivato dovevo ambientarmi, venivo da un brutto periodo all'Inter in cui non sono stato trattato benissimo. Mi sto perdendo la mia rivincita". Missione completata: Matteo Politano ha raccolto l'eredità lasciata da José Callejon e si sta rivelando un autentico jolly all'interno dell'organico a disposizione di Gennaro Gattuso.

L'esterno del Napoli si è reso protagonista nella serata dedicata a Diego Armando Maradona siglando il gol del definitivo 4-0 alla Roma, la squadra di cui è tifoso fin da bambino ma che non ha avuto la pazienza di credere nelle sue qualità. Un gol al suo amore più grande e uno schiaffo all'Inter, dove il tecnico Antonio Conte lo riteneva inadeguato al suo modulo di gioco: peccato che al Sassuolo sotto la guida di Giuseppe Iachini, Politano si sia esaltato nel 3-5-2 al fianco di Domenico Berardi.

MB Media/Getty Images
MB Media/Getty Images

Molti ricorderanno la telenovela di mercato che lo ha coinvolto nel gennaio 2020: foto, sorrisi e visite mediche per un ritorno in giallorosso che sembrava già annunciato quando, a causa di vari ripensamenti, la società nerazzurra ha deciso di interrompere lo scambio con la Roma per Leonardo Spinazzola e annullare clamorosamente la trattativa.

Cinque le reti stagionali, meglio dei compagni di reparto Victor Osimhen, Dries Mertens e Lorenzo Insigne. La rivincita è servita e il Napoli ha di nuovo un numero 7 sulla fascia destra, quella occupata per sette anni da Callejon. Manca ancora molto per raggiungere i numeri dello spagnolo, ora in forza alla Fiorentina, ma la strada intrapresa è quella giusta. Merito di club, allenatore e calciatore.

Segui 90min su Facebook, Instagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo del Napoli e della Serie A.