La rivincita di Sandra Milo sempre più in love con il fidanzato di 40 anni più giovane

Di Monica Monnis
·2 minuto per la lettura
Photo credit: Daniele Venturelli - Getty Images
Photo credit: Daniele Venturelli - Getty Images

From ELLE

Sandra Milo e l'happy end con fiori d'arancio e bouquet di peonie non sono sempre andati d'accordo. Il primo matrimonio nel 1948 a soli 15 anni con il marchese Cesare Rodighiero durato solo 21 giorni segnato dal dolore di un aborto, e poi le nozze tormentate con Moris Ergas e Ottavio De Lollis, con i rotocalchi pieni di liti furibonde, scontri in tribunale, conflitti per la custodia dei figli ("Per questi uomini amore significava possesso e io non posso essere ingabbiata", ha raccontato lei stessa a Storie Italiane). Sandra Milo oggi alla soglia degli 88 anni (sempre splendida e ironica) sembra aver ottenuto la sua rivincita al fianco di un uomo che la vizia, la coccola e soprattutto la lascia libera, "un cavaliere d’altri tempi" e "il sogno di noi donne". Alessandro Rorato è il fidanzato di Sandra Milo, non si è fatto spaventare dai quasi 40 anni di differenza (lui ne ha 49) ricordando al mondo intero che in amore non ci sono regole e no, la carta d'identità non conta nulla.

Photo credit: Daniele Venturelli - Getty Images
Photo credit: Daniele Venturelli - Getty Images

"È veneto, un gran lavoratore", ha raccontato l'attrice musa di Fellini in collegamento con Mara Venier a Domenica In tornando a parlare di Alessandro e rivivendo il loro primo incontro. "Ci siamo conosciuti a Venezia. Eravamo a una cena, lui aveva tante attenzioni per me, era così carino, gentile", ha ricordato, "mi ha colpito il suo affetto". Poi il secondo appuntamento per il compleanno di lei, una lampada a libro particolarmente apprezzata e simbolo del loro amore. Oggi sono più uniti che mai a dimostrazione che le congetture sulla differenza d'età nelle relazioni non hanno modo di esistere quando ci sono sentimenti, rispetto e lealtà.

"Agli uomini viene sempre o quasi concesso il grande privilegio dell'autorevolezza e certe critiche vengono loro risparmiate. Io ho lottato duramente per affermarmi contro ogni pregiudizio, mi sono conquistata ogni singola cosa a caro prezzo, ho rivendicato il diritto di essere me stessa nel bene e nel male", aveva detto parlando delle critiche alle sue foto senza veli pubblicate sulla rivista Flewid lanciando un messaggio di empowerment potentissimo e abbattendo cliché e stereotipi, che ben si sposa con la differenza di trattamento e giudizio quando in una relazione è la donna ad essere più matura diventando bersaglio di critiche e dissenso.

"Vive in Veneto e, come tutti i veneti, è un gran lavoratore, cosa che mi piace moltissimo. È un imprenditore: ha ristoranti, catering, alberghi, gli voglio un gran bene", ha continuato Sandra dal salotto di Zia Mara. Attenzioni e affetto che Alessandro condivide con i suoi figli, Debora Ergas (figlia di Moris Ergas), e Ciro e Azzurra De Lollis (figli di Ottavio De Lollis). "Io vorrei accompagnarli fino all’ultimo giorno, tenergli la mano anche nel momento in cui devono andar via, perché loro hanno paura della morte, io no, talmente li amo" ha detto mamma Sandra che di amore da dare, questo è certo, ne ha ancora tantissimo.