La schiena nuda di Greta Ferro è stata la visione più sexy del primo red carpet di Venezia 2021

·1 minuto per la lettura
Photo credit: Vittorio Zunino Celotto - Getty Images
Photo credit: Vittorio Zunino Celotto - Getty Images

Siamo al primo giorno del Festival di Venezia e abbiamo già una lezione su come si possa essere sexy e sofisticate allo stesso tempo: la modella e attrice Greta Ferro ha sfilato con un abito blu e nero di Giorgio Armani favoloso, che le lascia la schiena completamente nuda. Lo scollo all'americana con spalline sottili lo rendono più leggero e contemporaneo, mentre il fiocco davanti danno il tocco di eleganza necessario per l'occasione. La modella bocconiana originaria di Vasto è una delle muse di re Giorgio, di cui incarna alla perfezione lo spirito: è stato lui stesso a notarla nel 2018 e a volerla in suo cortometraggio.

Photo credit: John Phillips - Getty Images
Photo credit: John Phillips - Getty Images

A rendere sensualissimo il look della modella è la sua nonchalance, la sua naturale eleganza con cui porta un capo sicuramente non facile, che ha bisogno della giusta personalità. Infatti, i capelli sciolti e liberi, con l'immancabile frangetta, e il suo sguardo da cerbiatta rendono il tutto più ironico, quasi casuale e non c'è niente di più sexy di chi non cerca di esserlo.

Photo credit: Stephane Cardinale - Corbis - Getty Images
Photo credit: Stephane Cardinale - Corbis - Getty Images

Greta Ferro interpreta alla perfezione l'abito Giorgio Armani non solo grazie al suo fisico statuario, ma anche alla sua parallela carriera di attrice oltre a quella di modella: ha studiato teatro alla Paolo Grassi di Milano e ha già preso parte a diverse produzioni tra serie TV e il film, l'ultimo Chiara Lubich - L'amore vince tutto. Che a Venezia 2022 concorra per la Coppa Volpi?

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli