La storia del celebre look di Olivia Newton John in Grease

Di Redazione
·2 minuto per la lettura
Photo credit: Fotos International - Getty Images
Photo credit: Fotos International - Getty Images

From Harper's BAZAAR

Mentre Rizzo incantava il pubblico con la camicia a maniche corte e la gonna pencil aderente, Sally e i suoi outfit anni Cinquanta, soprattutto quello dell'ultima scena del cult Grease, sorprendevano la moda attraverso silhouette e nuovi materiali. Il film musical più popolare di tutti i tempi è ancora imitato e preso d'ispirazione, sopratutto per quanto riguarda la parte costumi. I look di Olivia Newton John in Grease sono ancora oggi memorabili. Tra tutti appunto, l'ultimo ensemble: pantaloni aderenti in spandex nero, sabot rossi e top bardot nero, il tutto condito dall'allure unico dell'attrice, e dai suoi capelli biondi cotonati. Quel look è certamente emblema di Grease e della trasformazione della protagonista, innamorata dell'affascinante Danny Zuco - un giovanissimo John Travolta.

Photo credit: Getty Images
Photo credit: Getty Images

Ma come è nato questo outfit leggendario? Come è stato pensato il look di Sally in Grease e come mai ancora oggi è uno tra gli abbinamenti più memorabili del cinema? La scelta è stata del costumista Albert Wolsky, il quale ha raccontato a Vogue US il desiderio di rappresentare la metamorfosi di Sally soprattutto attraverso la scelta dei look. Innanzitutto, l'impatto cromatico: per tutta la durata del film, infatti, la protagonista è vestita in nuance pastello, fatta eccezione per l'ultima scena, quella in cui appare di nero vestita, adottando quindi lo stile di Danny.

Photo credit: Getty Images
Photo credit: Getty Images

Affascinanti quanto scomodi, gli stessi pantaloni in elastam che hanno ispirato collezioni e costumi simili, erano stati da subito il capo più discusso del guardaroba di Olivia Newton John: come dichiarato da Wolsky, infatti, al momento dell'acquisto i pantaloni erano già capi vintage al tempo delle riprese. Tanto aderenti quanto antichi quindi, andavano trattati con la massima cura, e impedivano movimenti agili all'attrice al momento delle scene di ballo. In seguito all'uscita del colosso cinematografico, i capi appartenuti agli attori durante le riprese sono diventati veri e propri oggetti del desiderio per i fan più appassionati. Nel 2019 Olivia Newton John ha promosso un'asta benefica - i proventi sono andati all'istituto per la ricerca contro il tumore al seno da lei stessa creato nel '92, quando ha affrontato la malattia - di più di cinquecento oggetti provenienti dal set di Grease. Immancabili i pantaloni di Sally, insieme alla giacca di pelle nera. I due capi, venduti per un totale di quasi mezzo milione di dollari, sono andati nelle mani di due grandi acquirenti. Ciò che stupisce, della storia dell'outfit di Olivia Newton John, è il finale. Poco dopo l'asta, infatti, l'attrice ricevette una telefonata: era l'anonimo acquirente del chiodo di pelle; riteneva che l'unica, vera proprietaria del capo fosse soltanto lei, Sandy, e che per questo glielo restituiva. La giacca di Grease tornò nelle mani della sua prima proprietaria, colei che aveva fatto breccia nel cuore di tantissimi.