La storia del regalo speciale che il principe Carlo fece a Barbara Streisand (di cui era molto fan)

·2 minuto per la lettura
Photo credit: Fotos International - Getty Images
Photo credit: Fotos International - Getty Images

Era il 1974 quando il principe Carlo varcò la soglia degli studi Warner Bros dove una Barbra Streisand appena 32enna stava registrando il suo ultimo album. Tra i due, racconta Barbra Streisand molto tempo dopo al Mirror, nacque un'inaspettata amicizia che portò il principe Carlo a farle un regalo molto speciale.

A quell'epoca, Carlo aveva 26 anni, non aveva ancora incontrato Diana, futura moglie e principessa del Galles, e stava prestando servizio nella Royal Navy. Soprattutto però Carlo era un grande ammiratore di Barbra Streisand, Don't Rain on My Parade era uno dei suoi brani preferiti in assoluto. Vien da sé che l'incontro con la sua star del cuore, svoltosi con una tazza di tè condivisa negli studi della cantante, l'abbia profondamente emozionato.

Photo credit: Mirrorpix - Getty Images
Photo credit: Mirrorpix - Getty Images

Negli anni seguenti l'incontro tra i due, Carlo dichiarò al Times "non dimenticherò mai il suo talento abbagliante ed effervescente" e anche Barbra Streisand, parlando dell'amicizia che ne è scaturita, ha raccontato recentemente al Mirror: "Siamo diventati amici e mi aveva fatto piacere passare un po' di tempo a Highgrove per una raccolta fondi nel fine settimana, visitando i suoi giardini". L'episodio che la cantante e attrice ricorda con più enfasi è quella volta in cui Carlo le fece trovare un regalo speciale nella camera d'hotel: un mazzo di fiori appena colti, proprio dal giardino di Highrove.

"Ho chiesto [alla mia assistente] 'Chi me l'ha mandato?' e lei ha risposto 'Un fan chiamato Charles' e io ho detto: 'Davvero? Fammi vedere il biglietto'... e c'era il suo sigillo. E non era un mazzo da fioraio perché aveva un aspetto diverso, venivano dai suoi giardini". In quel momento, forse, tra i due sarebbe anche potuta scoccare la scintilla, ma per qualche motivo non si accese. Ci scherza ancora su Barbra Streisand, che ricorda: "Ho fatto una battuta molto divertente sul palco quando [Carlo] è venuto a vedere il mio spettacolo. Ho detto: 'Sai, se avessi giocato bene le mie carte, avrei potuto diventare la prima principessa ebrea!'". Ma il destino ha deciso altrimenti e il finale di questa storia lo conosciamo molto bene.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli