La storia (e le foto!) del vero Borat che ha ispirato Sacha Baron Cohen

Di Gabriele Niola
·3 minuto per la lettura

From Esquire

Quando nel 2006 uscì il primo film dedicato a Borat e fu un successo mondiale arrivò subito la causa legale di Mahir Çağrı che chiedeva un risarcimento per plagio di se stesso. Borat, sosteneva Mahir, è lui, Sacha Baron Cohen gli ha rubato il personaggio senza chiedere il permesso o consultarlo. Viene difficile pensare che qualcuno voglia rivendicare il fatto di essere il Borat originale, ma Mahir con quell’inglese stentato, con quel desiderio di rimochiare ingenuo e con un pacchetto di foto esilaranti prese dalla sua vita in Turchia ci era diventato famoso. Era la sua gallina dalle uova d’oro.

Photo credit: internet
Photo credit: internet

Bisogna tornare ancora più indietro, al 1999, quando internet era nella sua età del muto e del bianco e nero, quando era per pochi e in linea di massima tarifatta al minuto ma non per questo meno esilarante. Mahir Çağrı all’epoca era una delle primissime internet celebrities involontarie grazie ad un sito ospitato dalla piattaforma XOOM, ora defunta, che aveva in breve fatto il giro delle caselle mail e chat (altri modi di condivisione non esistevano). L’indirizzo era www.ikissyou.org (che già fa ridere), oggi non esiste più ovviamente ma è raggiungibile tramite la WayBackMachine qui (purtroppo le prime catture sono del 2001 e già il sito era stato rifatto alla luce della celebrità, tuttavia se si clicca su quella caricatura che dice Original site in alto a destra è possibile vedere com’era quello vero).

Photo credit: internet
Photo credit: internet

Quel dominio, all’apice della fama, arrivava a 300.000 contatti quotidiani (che era tanto all’epoca, vale la pena specificarlo), Mahir Çağrı veniva fermato in strada e la gente gli diceva “I Kiss You” come recitava la sua home page. Era talmente esilarante il suo inglese stentato e il modo in cui aveva messo in piedi un sito per promuovere se stesso come un uomo interessante, dotato addirittura di un auto, per attirare donne (a cui offriva un letto a casa sua) che anche David Bowie lo citò in un’intervista televisiva. Incise una sua canzone e tentò in ogni modo di entrare nello show business turco, senza successo. Poi, 7 anni dopo, arrivò Borat.

Photo credit: internet
Photo credit: internet

Sacha Baron Cohen non ha mai riconosciuto l’ispirazione, anzi nella sua versione l’idea per Borat gli è venuta dopo aver incontrato un medico del sud della Russia che era involontariamente esilarante, ma un’occhiata alle foto del vecchio sito Mahir Çağrı mentre gioca a ping pong, mentre è al mare con un costume che mostra il pacco e mentre posa davanti a paesaggi turchi, ricordano da vicino le immagini più esilaranti di Borat, le trovate più clamorose che hanno solo necessitato di essere un po’ pompate e spostate in un Kazakistan immaginario e poverissimo. Se non bastasse c’è anhe l’inglese stentato: “I like sex”, “I have car” e ancora “I like to take foto-camera (amimals , towns , nice nude models andpeoples).....”. E per finire il dettaglio che chiude la questione è che Mahir Çağrı si presentava come un giornalista freelance.

Photo credit: Amazon Prime
Photo credit: Amazon Prime

Ovviamente Mahir Çağrı non ha mai manifestato idee anti-semite non ha mai rivelato atteggiamenti anti-femminsiti (per quanto un po’ machista lo era), patriarcali, violente o anche solo complottiste come fa Borat per suscitare il peggio nelle persone che incontra. Il punto di tutto Borat era l’idea di prendere un personaggio che prima non esisteva, un tipo umano sconosciuto che tuttavia era esilarante. Internet aveva rivelato che quel tipo di uomo esteuropeo faceva ridere in sé, per come si presentava a partire dal completo tagliato male e soprattutto per come sembrava scimmiottare abitudini occidentali in contesti mediorientali. Era la prima grande celebrity di internet e si è anche beccato un libro a sé dedicato.

Photo credit: Amazon Prime
Photo credit: Amazon Prime

Mahir Çağrı poi la causa a Borat l’ha davvero intentata, senza successo. Ha cercato di scrivere un libro e ha parlato con gli studios per fare il suo film. Niente è andato in porto. Come tutte le celebrity di internet ha ballato una stagione a livelli altissimi ed è finito nel dimenticatoio ancora più velocemente. Oggi non è nemmeno ricordato per il suo unico merito: aver ispirato un personaggio che noto lo è davvero.