La timidezza nei bambini: cause e rimedi

·4 minuto per la lettura
Timidezza
Timidezza

Se vostro figlio nasconde spesso la testa contro le vostre gambe quando gli si parla, potreste aver già capito che si tratta di timidezza. Potrebbe anche essere un po’ ansioso o irrequieto e piangere quando si trova di fronte a persone o situazioni non familiari. Potreste chiedervi da dove viene questa tendenza e quanto durerà. Si scopre che sia i geni che l’ambiente giocano un ruolo fondamentale nella timidezza. Gli esperti credono che alcuni bambini vengano al mondo con una tendenza biologica ad essere timidi. Il loro corredo genetico può renderli particolarmente sensibili agli stimoli quando sono bambini. Quando crescono, quella stessa sensibilità può renderli timidi in situazioni sociali.

Tuttavia, prima di concludere che il vostro bambino è timido, considerate che potrebbe semplicemente attraversare una fase. Se è diventato improvvisamente più cauto con gli estranei o ha paura di perdervi di vista, probabilmente si tratta di ansia da separazione, che si manifesta proprio quando la maggior parte dei bambini diventa più mobile e indipendente.

La maggior parte dei bambini attraversa un periodo di ansia da separazione tra i 6 mesi e i 3 anni. Può essere scatenata da un nuovo ambiente di assistenza all’infanzia, da un genitore che va fuori città o dalla paura di rimanere da solo al buio. Se sentite che la timidezza del vostro bambino è più di una fase, cercate di non preoccuparvi. La sua timidezza non deve trattenerlo; un po’ di pazienza, comprensione e cure amorevoli da parte vostra possono fare una grande differenza.

Timidezza: rimedi per affrontarla

Non etichettate il vostro bambino come timido. Non parlate della timidezza di vostro figlio con altri in sua presenza. Se vi sente parlare di lui come timido, potrebbe prenderlo come una critica o come un attributo negativo che lo distingue dagli altri. Provate invece a dire: “Ci mette del tempo per sentirsi a suo agio con le persone che non conosce”. Cercate anche di non pensare sempre a vostro figlio come timido. Se vi aspettate la timidezza, la vostra aspettativa può influenzare il suo comportamento.

Siate comprensivi. Fate sapere a vostro figlio che capite come si sente. Se entrate in una stanza piena di bambini a una festa di compleanno, per esempio, potreste dire: “È difficile quando tutti i bambini sono così rumorosi, vero?”. Questo gli fa capire che la sua reazione è naturale e che gli altri potrebbero sentirsi come lui.

Incoraggiatelo. Ogni volta che vostro figlio cerca di fare amicizia o di unirsi a un’attività, lodate i suoi sforzi, non importa quanto sia esitante. Se lo sorprendete a fare un sorriso timido alla nonna dopo aver passato 15 minuti nascosto sotto la vostra gonna, ditegli: “Che bel sorriso. Scommetto che rende la nonna felice”, invece di commentare quanto tempo ci ha messo a salutare. Insegnate alle zie, agli zii e ai nonni di vostro figlio ad essere pazienti e ad evitare di spingerlo a parlare.

Timidezza bambini
Timidezza bambini

Non criticatelo. Niente schiaccia la fiducia di un bambino più velocemente delle parole poco gentili, anche se pensate di star solo scherzando. Ricordate, non c’è niente da guadagnare nel far sentire vostro figlio male perché è timido. È solo il suo modo di essere – non è una caratteristica che si può accendere e spegnere a piacimento.

Altri consigli

Non evitate le situazioni sociali. Tenere vostro figlio lontano dalle attività di gruppo non gli renderà la vita più facile. Potrebbe metterci un po’ di più a partecipare alle attività o a unirsi al tavolo di una festa di compleanno. Tuttavia, più è esposto a questi incontri, più si sentirà a suo agio. Organizzare incontri di gioco può aiutarlo a praticare le abilità sociali senza molta pressione.

Trovate modi meno stressanti per far socializzare vostro figlio. Scegliete attività che coinvolgono gruppi più piccoli e ambienti tranquilli o familiari. Se la biblioteca è uno dei luoghi preferiti di vostro figlio, portatelo lì all’ora di storia o invitate un amico a unirsi a voi per una visita in biblioteca.

Non c’è modo di sapere se vostro figlio rimarrà timido, ma innumerevoli persone hanno superato la timidezza dell’infanzia. Basta sottolineare l’accettazione e il sostegno che aiuterà il vostro bambino ad affrontare il mondo, e probabilmente si sentirà più a suo agio con il tempo. Ciononostante, è importante ricordare che la timidezza non è nulla di cui vergognarsi e che molte persone timide conducono una vita felice e soddisfacente.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli