La top 10 delle città d'Italia preferite da chi fa smart working (e dove trasferirsi subitissimo)

·2 minuto per la lettura
Photo credit: Martino Pietropoli on Unsplash
Photo credit: Martino Pietropoli on Unsplash

A più di un anno dall'inizio della pandemia da Covid-19 abbiamo imparato a familiarizzare con lo smart working, o più correttamente lavoro da remoto, ne abbiamo compreso i vantaggi e le pecche, limiti e potenzialità. In un sottile equilibrio tra l'aumento del tempo libero, evitando ad esempio il viaggio per raggiungere l'ufficio, e lo stress delle faccende di casa che si accumulano mentre siamo al pc, ormai lo smart working è parte della nostra routine. Ma non in tutte le città smart working è sinonimo, infatti ci sono alcune località italiane dove lavorare in remoto è meglio.

A stilare la top 10 delle città d'Italia preferite da chi fa smart working è stata la community Nomadlist che, sulla base di 4 parametri, ha raccolto le votazioni degli utenti sulla qualità di vita in smart working nella loro città. I criteri su cui si è basata la classifica sono: costo della vita, velocità della connessione Internet, divertimento e sicurezza.

Photo credit: Christian Gertsen on Unsplash
Photo credit: Christian Gertsen on Unsplash

In cima alla classifica delle città d'Italia preferite da chi fa smart working c'è Bologna. La città universitaria per eccellenza è, a quanto pare, ideale anche per i lavoratori da remoto. D'altronde una città a misura di studente ha molti vantaggi anche per chi si trova a lavorarvici: un costo della vita non eccessivo, che permette di lavorare da casa senza incappare in costi extra proibitivi; una buona connessione internet, con una media di 17 mega al secondo in download; tanto divertimento che spazia dalle mostre, ai circoli culturali fino alle zone da aperitivo come il Pratello; una buona sicurezza.

Photo credit: Cristina Gottardi on Unsplash
Photo credit: Cristina Gottardi on Unsplash

A seguire la città rossa ci sono Bari, una delle città con il costo della vita più basso tra le classificate; Genova, che con il suo sbocco sul mare fornisce un'attrattiva non da poco; Pisa, altra città universitaria; Padova; Firenze, che ha invece il costo della vita più alto tra le località selezionate; Trento; Palermo, con la velocità Internet più alta di tutte a 22 mega; Avellino e Treviso.

Assenti le grandi città come Milano e Roma che per costo della vita e qualità vengono sbalzate fuori dalla classifica, che comunque offre agli interessati un'ampia scelta, da nord a sud, per scegliere il posto del cuore dove passare gli ultimi mesi di smart working. Nel caso invece in cui si volesse approfittare del periodo per passare un periodo all'estero, Nomadlist consiglia il Portogallo: la città preferita dagli utenti è Lisbona, che oltre alle proprie infinite bellezze offre una velocità Internet elevata. Subito dietro anche Tenerife e Berlino. Già scelta la vostra prossima meta di smart working?

Photo credit: Victor Malyushev on Unsplash
Photo credit: Victor Malyushev on Unsplash