La variante Omicron si replica 70 volte più velocemente della Delta: lo studio di Hong Kong

·1 minuto per la lettura
variante omicron studio
variante omicron studio

Secondo un studio condotto da un team di ricercatori dell’Università di Hong Kong la variante Omicron del virus infetterebbe e si moltiplicherebbe 70 volte più velocemente rispetto alla Delta e al ceppo originale di Wuhan. Gli esperti hanno però evidenziato che probabilmente la gravità della malattia è più bassa.

Variante Omicron si replica 70 volte più velocemente della Delta

Pur essendo la ricerca ancora in fase di revisione, le prime osservazioni hanno dimostato che la maggior parte dei pazienti positivi alla nuova variante sudafricana non ha avuto bisogno di ossigeno o di cure intensive. La cautela è però necessaria perché, secondo quanto rilevato, la velocità di replicazione della Omicron nel corpo umano sarebbe di gran lunga superiore rispetto alle altre mutazioni. Ciò potrebbe spiegare la sua maggior contagiosità.

Variante Omicron si replica 70 volte più velocemente della Delta: lo studio

Per giungere a queste conclusioni e capire in che modo la variante possa differire nella trasmissione e nella gravità della malattia dalle altre, i ricercatori hanno utilizzato colture ex-vivo del tratto respiratorio. Dopo averlo fatto entrare a contatto con l’infezione da Omicron e Delta, hanno notato che dopo 24 ore la prima si era replicata circa 70 volte in più rispetto alle altre due. Anche se rispetto al virus originale la Omicron si è moltiplicata in modo meno efficiente, cosa che farebbe presagire una minor gravità della malattia.

Gli scienziati ci hanno tenuto a chiarire che “la gravità della malattia negli esseri umani non è determinata solo dalla replicazione del virus ma anche dalla risposta immunitaria dell’ospite all’infezione, che può portare ad una disregolazione del sistema immunitario innato“.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli