La vita che verrà non è il classico film estivo ma non per questo non vi farà bene al cuore (anzi)

·2 minuto per la lettura
Photo credit: courtesy photo
Photo credit: courtesy photo

Il nucleo centrale del film - ora al cinema - La vita che verrà è costituito dalla storia di una donna che si costruisce da sola una casa. Una casa in cui stare con i suoi due figli. Una casa in cui trovare riparo da un marito violento. Una casa da cui ripartire, con coraggio. É immediatamente chiaro il perché La vita che verrà non è il classico film estivo ma non per questo non vi farà bene al cuore (anzi) ispirandoci nella sua semplicità narrativa.

La vita che verrà è un film che tratta di tematiche sociali contemporanee di grande attualità: la crisi degli alloggi, sofferta in molte città di tutto il mondo, e gli orrori della violenza domestica. Ma nella sua essenza, è un racconto che celebra la forza dell'amore e della resilienza. Una storia potente che non edulcora la crudeltà della vita senza però farsi, e farci, indurire.

Photo credit: courtesy photo
Photo credit: courtesy photo

"Dopo tanto tempo, Sandra (interpretata dall'emergente attrice irlandese Clare Dunne che del film è anche l'autrice del soggetto insieme a Malcolm Campbell, ndr) trova finalmente il coraggio di fuggire con le sue due figlie da un marito violento. In lotta contro una società che sembra non poterla proteggere e con l’obiettivo di creare un ambiente accogliente per le bambine, decide di costruire da sola una casa tutta per loro - si legge nella sinossi del film. - Non tutto andrà bene ma, durante l’impresa, troverà la forza di ricostruire la sua vita e riscoprirà se stessa, anche grazie all’appoggio di un gruppo di persone disposte ad aiutarla e a darle sostegno. Per Sandra e le sue figlie la nuova vita che verrà, per fortuna, non sarà mai più come quella di prima".

Diretto dall'acclamata regista Phyllida Lloyd (Mamma Mia!, The Iron Lady) il film è stato girato interamente a Dublino ed è stato sviluppato da Element Pictures (La favorita, Room) insieme a Merman (le serie televisive Divorce, Catastrophe, Women on the Verge) e prodotto da Rory Gilmartin, Ed Guiney e Sharon Horgan.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli