La vittoria dell'Inghilterra è stata un po' più triste per William, allo stadio da solo senza Kate

·2 minuto per la lettura
Photo credit: Catherine Ivill - Getty Images
Photo credit: Catherine Ivill - Getty Images

Se la scorsa settimana Kate Middleton aveva catalizzato l'attenzione di tutti i tifosi per la sua presenza a Wembley insieme al marito e al piccolo George sfoggiando un beneaugurante blazer doppiopetto rosso in onore della Nazionale inglese, ieri sera è saltata all'occhio la sua assenza allo stadio di Londra. Inseparabile dalla moglie, con cui condivide oneri e onori della Corona, per la prima volta William non ha potuto festeggiare con Kate e il loro primogenito George la clamorosa vittoria della Nazionale inglese contro la Danimarca e si è dovuto accontentare di condividere il successo con il premier Boris Johnson e l'amico di una vita David Beckham.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Impeccabile come sempre nel suo completo blu e cravatta regimental rossa, blu e bianca, il principe William ha sofferto e gioito per 120 minuti come tutti i tifosi e d'altro canto non poteva essere altrimenti per il presidente dell’Associazione calcio inglese. Ma questa volta a condividere con lui croci e delizie di questa semifinale al cardiopalma non c'era la moglie, che al momento è in isolamento per essere entrata in contatto con un positivo. "Sua Altezza Reale non sta riscontrando alcun sintomo, ma sta seguendo tutte le linee guida del governo pertinenti e si sta auto-isolando a casa", ha fatto sapere Kensington Palace in un comunicato datato lunedì 5 luglio.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Nulla di preoccupante insomma, solo la normale trafila di un protocollo molto rigido che impedirà alla duchessa di Cambridge di prendere parte agli eventi mondani in programma nei prossimi 14 giorni per salvaguardare la salute di William, George, Charlotte e Louis, ma soprattutto della regina Elisabetta II. Con immenso dispiacere Kate si troverà costretta insomma ad assistere alle finali di tennis a Wimbledon e di calcio a Wembley davanti allo schermo di casa, senza poter fare il tifo dagli spalti.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli