L'abbraccio di Asia Argento con il papà Dario sarà la cosa più bella che ci rimarrà di Cannes 2021

·3 minuto per la lettura
Photo credit: VALERY HACHE - Getty Images
Photo credit: VALERY HACHE - Getty Images

Bella, luminosa, a tratti raggiante. Una Asia Argento così non la vedevamo da tempo e dobbiamo dire grazie al Festival di Cannes 2021 se venerdì sera sulla Croisette l'attrice ha dato il meglio di sé, come donna e come figlia. Arrivata venerdì in occasione della prima del film Vortex di Gasper Noé, per tutta la serata Asia è stata l'angelo custode di suo padre Dario Argento, al suo esordio come attore protagonista della pellicola. Senza mai perderlo di vista, ha calcato il red carpet insieme a lui, sfoggiando entrambi un look total black in pieno stile dark e dispensandosi abbracci e sorrisi, che ne hanno fatto la coppia padre-figlia più bella di questo festival.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Alla kermesse francese mancava da tempo, anche per questo il suo ritorno sul red carpet insieme al padre è stato il momento più emozionante di Cannes 2021 (dopo lo spoiler di Spike Lee). Ma non è finita qui perché, a conclusione di una serata già di per sé memorabile, è arrivato, per chi se lo fosse perso, il meglio di questi abbracci da copertina, con tanto di dedica strappacuore. "Mio padre è un uomo eccezionale, questo non sono solo io a dirlo, naturalmente. Che sia uno dei più grandi registi di tutti i tempi è assodato, ma con la sua interpretazione in #VORTEX di @gasparnoeofficial ha dimostrato anche di essere un attore geniale – ha scritto dal suo profilo Instagram Asia Argento, che ha dispensato solo parole di ammirazione e amore per il padre –. Mettersi in gioco ad 80 anni, con l’umiltà e la curiosità da eterno bambino che lo contraddistinguono, non è da tutti. Ed il successo ed il plauso che il film ha ricevuto ieri notte a Cannes è stato meritato e sacrosanto – ha aggiunto l'attrice, che ha ammesso di essersi emozionata durante la proiezione del film –. Ero così orgogliosa di essere lì con mio padre e Gaspar (il regista, ndr), tanto che quando il pubblico alla fine ha applaudito in standing ovation per un tempo che è sembrato infinito non sono riuscita a trattenere le lacrime. Di fierezza, gratitudine e gioia assoluta".

Photo credit: Kate Green - Getty Images
Photo credit: Kate Green - Getty Images

"Mio padre ha una energia psicofisica ed una genialità che registi molto più giovani di lui gli possono solo invidiare – ha ribadito la figlia d'arte, che proprio in questi giorni è impegnata insieme al padre su un nuovo film di cui è anche produttrice, Occhiali neri –. Grazie di avermi messa al mondo, di essere sempre stato un padre protettivo, presente ed attento, un esempio di forza vitale, di creatività, di professionalità e di libertà. Ti amo papà!". A pochi mesi dall'uscita del nuovo libro Anatomia di un cuore selvaggio, la biografia senza filtri dell'attrice, che senza remore descriveva il rapporto con la sua famiglia "sgangherata" come deficitario e anaffettivo – "per anni mi hanno fatto credere di essere nulla, zero, di non valere niente” –, le ombre del passato sembrano ormai svanite e ora Asia vuole tenere per sé solo le cose belle che la vita le ha regalato. E l'abbraccio con il papà Dario è proprio una di queste.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli