Lady Diana aveva molto in comune con Harry, e queste nuove dichiarazioni lo confermano

·2 minuto per la lettura
Photo credit: Georges De Keerle - Getty Images
Photo credit: Georges De Keerle - Getty Images

Un certo fastidio per le regole, la tendenza a seguire il cuore sopra ogni altra cosa, qualche difficoltà nel sopportare la vita a corte: i punti in comune tra Lady D e suo figlio Harry negli anni sembrano sempre di più. Non è un caso, infatti, che in questa fase piuttosto turbolenta dells sua vita, il duca di Sussex abbia più volte ricordato sua madre tracciando una linea tra le loro scelte di vita che sembra unirli sempre di più. "Meghan è vittima delle stesse forze potenti che hanno portato alla morte di mia mamma” aveva detto poco prima della #Megxit riferendosi ai tabloid inglesi che tormentavano sua moglie e, allo stesso tempo, i riferimenti alla salute mentale poco considerata a corte durante l'intervista con Oprah Winfrey sembrano richiamare perfettamente le parole di Diana alla BBC. Ora però si aggiunge un altro tassello che sembra legare a doppio filo madre e figlio: Diana prima di morire voleva trasferirsi negli Stati Uniti. What?

Photo credit: Tim Graham - Getty Images
Photo credit: Tim Graham - Getty Images

Proprio così, l'idea di lasciare l'Inghilterra e trovare un po' di pace oltreoceano sembra fosse venuta anche alla principessa almeno da quanto ha riferito al Daily Mail l'amico e vocal coach di Lady D, Stewart Pearce, in occasione dell'anniversario della sua morte. Secondo Pearce, Diana stava valutando diverse opzioni per la sua nuova vita dopo il divorzio e tra queste c'era anche l'idea di trasferirsi a Malibu in California e iniziare una carriera a Hollywood. "Il punto era che Diana stava davvero iniziando a esplorare il suo potere creativo" spiega il sessantottenne specificando, però, che l'intento della principessa non era quello di recitare. Nonostante Lady D avesse ricevuto diverse proposte di ruoli cinematografici (pare che Kevin Costner la corteggiasse per un potenziale sequel del suo The Bodyguard del 1992) le sue ambizioni erano di altro genere. “Recitare non interessava affatto a Diana", spiega Pearce, "Sebbene fosse appassionata delle arti dello spettacolo e in particolare della danza, non era qualcosa a cui pensava per il futuro".

Photo credit: Tim Graham - Getty Images
Photo credit: Tim Graham - Getty Images

Piuttosto la principessa voleva cimentarsi dietro la telecamera, aveva già molti contatti a Hollywood (tra cui il produttore cinematografico britannico premio Oscar Lord David Puttnam) e si stava muovendo per stringere degli accordi. "Una delle principali opportunità che voleva cogliere", spiega l'amico, "era quella di sviluppare documentari su tre progetti di beneficenza". Insomma, lavorare a Hollywood per trasmettere al pubblico un messaggio positivo: vi ricorda qualcosa? Forse la partnership dei Sussex con Netflix e Spotify? Diana era davvero in grado di anticipare i tempi e fa male pensare che con la sua morte i suoi sogni e i suoi progetti non si siano mai potuti realizzare. Harry, però, sembra davvero abbia scelto di raccogliere anche questa sua eredità.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli