Lady Gaga ricorda lo stupro: «Rimasi incinta»

·1 minuto per la lettura

Dopo essere stata violentata da un produttore musicale, Lady Gaga è rimasta incinta.

«Avevo 19 anni e lavoravo nel settore, e un produttore mi disse: “Togliti i vestiti”. E io dissi di no. Me ne andai. Mi disse che avrebbe dato fuoco a tutta la mia musica. Non si sono fermati. Non hanno smesso di chiedermelo, e io mi sono solo congelata e poi non ricordo nemmeno», ha raccontato la pluripremiata popstar nel programma in onda su Apple TV + “The Me You Can't See”, promosso da Oprah Winfrey e dal principe Harry.

«Prima avvertii un dolore intenso, poi diventai insensibile. E poi sono stata male per settimane e settimane dopo; e ho capito che era lo stesso dolore che ho provato quando la persona che mi ha violentata, mi ha lasciato incinta in un angolo. Era a casa dei miei genitori perché vomitavo e stavo male. Perché avevo subito abusi. Sono stata rinchiusa in uno studio per mesi».

Gaga - all’anagrafe Stefani Germanotta - aveva già parlato del calvario, che l'ha portata a soffrire di un disturbo da stress post-traumatico: in alcuni episodi si è anche provocata dei tagli e scagliata contro un muro.

«Pensi che ti sentirai meglio perché stai mostrando a qualcuno che stai soffrendo. Ma non aiuta (farlo con l’autolesionismo, ndr). Dico sempre alla gente: “Dillo a qualcuno. Non mostrare a nessuno”».

La star non ha mai rivelato il nome del suo presunto aggressore.

«Ho avuto una crisi psicotica totale, e per un paio di anni non sono stata più la stessa ragazza», ha aggiunto Gaga che è apparsa nel primo capitolo della serie divisa in cinque episodi, della quale Harry e Oprah sono i produttori esecutivi.