Lamentarsi: perché succede e cosa fare (da 6 a 8 anni)

·4 minuto per la lettura
Lamentarsi
Lamentarsi

Vostro figlio può lamentarsi per diversi motivi. Un bambino delle elementari si affida agli adulti per quasi tutto: cibo, bevande, amore, soldi, giocattoli, trasporto, e così via. Deve ottenere l’attenzione di un adulto per ottenere le cose di cui ha bisogno, e questo può essere una sfida. Un lamento è il risultato di un bambino che si sente impotente e lancia la sua richiesta in toni sempre più alti per sperare che qualcuno gli presti attenzione.

I bambini fanno ciò che funziona, e un piagnucolone sta cercando una risposta. Quindi, se una risposta positiva non arriva, una negativa andrà benissimo.

Lamentarsi: cosa fare

Dare spiegazioni

Assicuratevi che vostro figlio capisca di cosa state parlando. La maggior parte dei bambini delle elementari riconosce il piagnisteo, ma controllate se vostro figlio sa qual è la sua voce lamentosa. Etichettate il piagnisteo quando lo sentite e chiedete al vostro bambino di usare la sua voce normale. Se ha difficoltà a sentire la differenza, fategli una dimostrazione (senza prenderlo in giro).

Alcuni esperti suggeriscono di registrare il vostro bambino, sia quando inizia a lamentarsi che durante una normale conversazione. Quando voi due siete di buon umore, ascoltate la registrazione e parlatene. Spiegate che il lamento ha un suono terribile e fa sì che la gente smetta di ascoltare.

Riconoscete il bisogno di attenzione del vostro bambino

I bambini delle elementari a volte ricorrono ai piagnistei quando hanno provato e fallito a ottenere l’attenzione dei genitori. Ecco perché lo sentirete spesso quando state cercando di parlare con un amico, di concentrarvi su un programma televisivo o di tenere traccia di dove siete in una ricetta. In breve, ogni volta che vi state concentrando su qualcos’altro e il vostro bambino ha bisogno (o pensa di aver bisogno) del vostro aiuto è il momento migliore per lamentarsi.

Ogni volta che vostro figlio chiede qualcosa in modo piacevole, cercate di rispondergli il più presto possibile. Naturalmente, non volete incoraggiare il vostro bambino delle elementari ad “aver bisogno” di voi ogni volta che si parla con qualcuno, quindi assicuratevi di spiegarglielo: “Se è davvero importante, interrompimi educatamente, senza lamentarti, e non ti rimanderò indietro. Ma se puoi aspettare, allora per favore fallo!”.

Se siete nel bel mezzo di qualcosa, prendetevi un secondo per riconoscere il suo bisogno, dategli una stima approssimativa di quando risponderete (“Tesoro, so che hai bisogno di aiuto con i compiti – lasciami finire questi piatti e sarò lì tra cinque minuti”), e andate avanti.

Assicuratevi che l’attesa sia di una durata realistica: potete aspettarvi che il bambino sia paziente per tanti minuti quanti sono i suoi anni (sette minuti per un bambino di 7 anni, per esempio). Non dite solo “più tardi”, che è vago nel migliore dei casi – potete impostare un timer e dirgli che gli darete tutta la vostra attenzione dopo che è scattato. E assicuratevi di lodarlo per aver aspettato quando ci riesce.

Lamentarsi cause
Lamentarsi cause

Mostrategli un modo migliore per affrontare il problema

A volte i bambini si lamentano perché non riescono a esprimere i loro sentimenti, quindi aiutate il vostro bambino delle elementari a identificarli quando potete. Potresti dirgli, per esempio, “Vedo che sei arrabbiato. È perché Marco non può passare la notte qui stasera?”. Questo vi aiuterà ad avviare una conversazione.

Un bambino delle elementari è abbastanza grande da capire come ci si sente quando ci si lamenta, anche se il momento migliore per parlarne non è quando il suo tono sta aumentando. Quando siete entrambi calmi, ditegli: “Non mi è piaciuto il modo in cui hai chiesto di andare alla partita di calcio questo pomeriggio. Se vuoi davvero qualcosa, avrai più possibilità con me se me lo chiedi con una voce gentile”.

Assicuratevi di ritagliare regolarmente del tempo per leggere insieme, giocare o semplicemente parlare – senza che vostro figlio debba prima lamentarsi. Ringraziatelo anche quando si ricorda di chiedere gentilmente. Quando vedrà che altri metodi per esprimere i suoi bisogni producono risultati – e che i piagnistei non lo fanno – i lamenti diminuiranno.

Evitare i fattori scatenanti

I bambini spesso diventano irritabili e lamentosi quando hanno fame o sono stanchi. Portare un bambino affamato a fare la spesa prima di cena è come mettere un nuovo trampolino in cucina e aspettarsi che non ci salti sopra finché il soufflé non è finito: è una ricetta infallibile per il disastro. Dategli da mangiare prima di andare, o mettete in borsa qualche spuntino sano che può mangiare durante il tragitto o nel negozio.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli