L'ansia nei bambini: i rimedi per affrontarla

·5 minuto per la lettura
Ansia nei bambini
Ansia nei bambini

L’ansia nei bambini è un fenomeno piuttosto diffuso a cui prestare la giusta attenzione. Molti genitori sono presi alla sprovvista quando il loro figlio avventuroso si trasforma in un bambino appiccicoso e insicuro. Dopotutto, chi avrebbe pensato che un bambino così giovane potesse essere così ansioso? Può gemere pietosamente se lasciate la stanza anche solo per un minuto, si ritrae dagli estranei o praticamente salta dalla sedia al suono dei fuochi d’artificio e altri rumori forti.

Per quanto queste reazioni possano essere sconcertanti per voi, sono tutti segni che lo sviluppo del bambino è sulla buona strada. Un po’ di ansia e paura è una parte normale – e attesa – dello sviluppo cognitivo ed emotivo di un bambino. Guardatela dal suo punto di vista: c’è un mondo grande e spaventoso là fuori, e ogni passo che il vostro bambino fa verso l’indipendenza è accompagnato da un’eguale misura di paura per quello che sta facendo.

Mentre il vostro bambino esplora il mondo che lo circonda, scopre anche che le cose possono andare male: il gatto di famiglia graffia. I compagni di gioco rubano i giocattoli, e i genitori a volte spariscono per ore. Man mano che i suoi processi mentali diventano più complessi, è anche in grado di evocare una moltitudine di scenari spaventosi che coinvolgono oggetti quotidiani (sinistri aspirapolvere e scarichi della vasca da bagno, per esempio) e minacce immaginarie (il mostro sotto il letto). Inoltre, man mano che il bambino si sintonizza meglio con l’ambiente circostante, comincia a reagire a stress di cui fino a pochi mesi fa era a malapena consapevole.

Le cause dell’ansia nei bambini

Proprio come i problemi emotivi di un adulto sono raramente limitati a un’area, i bambini diventano ansiosi per molte ragioni diverse. Il vostro bambino può avere l’ansia da estraneo, che si innesca ora che può distinguere tra volti familiari ed estranei. L’ansia da separazione, che in genere inizia a manifestarsi a circa 10 mesi, è anche normale e comune nella prima infanzia.

Il vostro bambino potrebbe anche aver sviluppato la paura di qualcosa in particolare, come gli insetti o l’acqua. Se il vostro bambino, prima impavido, è improvvisamente terrorizzato dal cane del vicino, la paura potrebbe essere nata da un incidente reale. Hanno anche difficoltà a distinguere la fantasia dalla realtà, quindi questa paura potrebbe essere scaturita dalla sua immaginazione o essere stata innescata da una lettura a letto de I tre porcellini con il suo lupo cattivo.

Tenete a mente che il vostro bambino sta sperimentando molte cose per la prima volta. Il mondo è un posto grande e complicato, quindi è normale avere un po’ di apprensione (o anche molta!). Le sue ansie quasi certamente si attenueranno man mano che matura, si sentirà più a suo agio con il mondo che lo circonda e comincerà ad avere più controllo sui suoi sentimenti.

Cosa fare

Se qualcosa fa venire i brividi a vostro figlio, fate quello che vi dice l’istinto: coccolatelo e rassicuratelo. Stategli vicino per aiutarlo a sentirsi al sicuro. Tuttavia, non fermatevi qui: siate creativi nell’aiutare il vostro bambino ad affrontare le sue paure. Questi suggerimenti possono aiutare:

Riconoscere la paura. Alcune delle ansie del vostro bambino – la paura di perdervi, per esempio – sono assolutamente normali, e negarle non sarebbe realistico. Prima di correre in bagno, per esempio, ditegli: “So che ti spaventa quando non puoi vedermi, ma mi assicurerò sempre che tu sia in un posto sicuro”.

Ansia nei bambini rimedi
Ansia nei bambini rimedi

Parlare. I bambini piccoli hanno un’immaginazione attiva e un vocabolario limitato, quindi non c’è da stupirsi che abbiano problemi ad articolare ciò che provano. Aiutate il vostro bambino ad esprimere le sue emozioni parlandone. Siate semplici e diretti. Una conversazione lunga e complicata può rendere le sue paure più confuse. Piuttosto, potete semplicemente chiedere: “Ti senti preoccupato o spaventato?”.

Parlate anche di altre emozioni: “Sembri molto entusiasta di andare allo zoo. È uno dei tuoi posti preferiti?” E assicuratevi di dare a vostro figlio la stessa quantità di attenzione quando si sente allegro e fiducioso, in modo da non incoraggiarlo involontariamente a comportarsi in modo pauroso.

Preparatelo. Se il vostro bambino diventa timido quando incontra nuove persone o entra in nuovi posti, aiutatelo a dissipare le sue paure in anticipo. Quando andate a una festa di compleanno o a un gruppo di gioco, per esempio, nominate le persone che conoscerà lì e menzionate quelle nuove che potrebbe incontrare.

Prendetela con calma. Le transizioni possono essere difficili per chiunque, specialmente per i bambini piccoli. Piuttosto che spingere il vostro bambino in un ambiente sconosciuto o lasciare che una persona sconosciuta glielo sbatta in faccia, provate l’approccio lento.

Altri consigli

Praticare la separazione. Fate un piccolo gioco di ruolo per insegnare al bambino come gestire le vostre assenze. Quando è riposato e in vena di giocare, impostate un timer da cucina per un minuto e uscite dalla stanza. Chiedetegli di tenere d’occhio l’orologio e di riapparire non appena la campana suona. Se guardarvi uscire è troppo difficile, fatelo uscire mentre voi rimanete indietro.

Ansia nei bambini consigli
Ansia nei bambini consigli

Man mano che la sua fiducia cresce, allungate lentamente il tempo in cui siete separati. Questo esercizio aiuta il bambino a capire la sequenza, così la prossima volta che sarete separati capirà l’ordine degli eventi: voi ve ne andate, il tempo passa e voi tornate. Sapere cosa aspettarsi renderà questo tempo a parte più facile da sopportare per lui.

Salutatelo. Se le tipiche partenze sono segnate da un bambino che grida con angoscia, può essere tentato di sgattaiolare fuori quando è preoccupato. Non fatelo, però. Questo può solo farlo aggrappare di più perché non sa mai quando sparirete senza preavviso.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli