L'appartamento nella periferia di Parigi, rinato fra minimalismi e fosforescenze

Di Alessia Musillo
·2 minuto per la lettura
Photo credit: Yohan Fontaine
Photo credit: Yohan Fontaine

From ELLE Decor

Le Grand Marais è un ex centro di 250 metri quadrati, che prende il nome dalla periferia parigina Le Marais - zona in cui si trova. L'intero complesso, un edificio risalente agli Anni Settanta e appartenente alla più grande co-proprietà della capitale francese, presenta oggi molteplici destinazioni d'uso: da uffici ad alloggi, da anfiteatro a centro sportivo. Al suo interno, un'abitazione è stata ritrutturata da Ubalt Architectes trasformandosi in una casa da abitare fra minimalismo e colpi di fosforescenza.

Photo credit: Yohan Fontaine
Photo credit: Yohan Fontaine
Photo credit: Yohan Fontaine
Photo credit: Yohan Fontaine

Non volendo perdere il gusto retrò Anni Settanta, il ripensamento degli ambienti è partito dai materiali: è pressocché onnipresente il plexiglass; il metallo colorato si abbina alle tende fatte di tessuto iridiscente; w il cemento domina la scena. Trovandosi al pianterreno ed essendo rivolto su una facciata cieca dell'edificio, l'appartamento è poco luminoso e non gode di una vista ampia. Gli architetti hanno pensato di sottolineare questo aspetto, per migliorare e risolvere un difetto senza cercare di oscurarlo.

Photo credit: Yohan Fontaine
Photo credit: Yohan Fontaine

La redistribuzione degli spazi e degli arredi è stata pensata in modo da realizzare un ingresso, un soggiorno che evochi la forma di un patio indoor, tre camere da letto e un bagno. Tutti gli ambienti risultano collegati fra loro al punto che - anche grazie alla scelta di materiali "scivolosi" - si possa slittare da una stanza all'altra scoprendo spazi identitari e caratteristici, dove la luce artificiale anima e dà forme e colori agli ambienti.

Photo credit: Yohan Fontaine
Photo credit: Yohan Fontaine
Photo credit: Yohan Fontaine
Photo credit: Yohan Fontaine

L'interior design vuole smussare il lato "rigido" dell'appartamento e renderlo più simile a uno showroom che a una casa. Così gli spazi ampi, dedicati e riservabili all'accumulo di oggetti, risaltano mentre il soggiorno, spazioso e ben illuminato, è un ottimo luogo in cui lavorare o pensare di realizzare un proprio ufficio. In questo modo un appartamento di periferia diventa un luogo di tendenza.

Photo credit: Yohan Fontaine
Photo credit: Yohan Fontaine
Photo credit: Yohan Fontaine
Photo credit: Yohan Fontaine
Photo credit: Yohan Fontaine
Photo credit: Yohan Fontaine

www.ubalt-architectes.com