I lati positivi (e negativi) dell'allattamento al seno: il brutto e il bello

lati positivi dell'allattamento al seno
lati positivi dell'allattamento al seno

I lati positivi dell’allattamento al seno sono innumerevoli, ma sono presenti anche molti aspetti “negativi” e poco rassicuranti. L’allattamento suscita nelle persone tante emozioni diverse. Alcune persone, quando la sentono, pensano al momento più magico, gratificante e appagante con i loro piccoli, mentre altre pensano che sia l’esperienza più impegnativa, dolorosa ed estenuante che abbiano mai affrontato. Ed entrambe hanno ragione.

Può essere l’una o l’altra o tutte queste cose. Ognuna di noi ha il proprio percorso individuale con l’allattamento al seno – lungo e breve, buono e cattivo – alcuni momenti sono belli mentre altri… non lo sono.

I lati positivi dell’allattamento al seno

Sappiamo tutti che l’allattamento al seno comporta incredibili benefici sia per la mamma che per il bambino. Sappiamo anche che il latte materno è praticamente oro liquido magico che non solo fornisce un’incredibile nutrizione e nutrimento ai nostri bambini, ma contiene anche proprietà combattive che allontanano malattie e patologie. È incredibile quando si fa una ricerca e si scoprono tutte le cose buone. Questi sono i motivi per cui la maggior parte delle madri lo fa.

Quando l’allattamento al seno va bene, è così BUONO. Non c’è niente di meglio di quelle dolci coccole del bambino, di quelle morbide suzioni, di quell’esperienza di legame travolgente che non ha eguali.

i lati positivi dell'allattamento al seno
i lati positivi dell'allattamento al seno

I lati negativi dell’allattamento al seno

Ma quando le cose vanno male, vanno male e può spingere qualsiasi mamma oltre il limite.

  • Mastite. Che male! Può essere un’esperienza decisamente frustrante ma che spesso può essere prevenuta in modi diversi.

  • Pompare ogni sera nel cuore della notte. Avevo un rapporto di amore e odio con il pompaggio. La parte più difficile è pompare ogni notte nel bel mezzo della notte per MESI. Non farlo significa produrre sempre meno ogni giorno.

  • Sentire le opinioni e i consigli di tutti. “Mi considero una lattofila che sostiene le donne ad allattare i loro bambini dove, quando e come vogliono, ma alcune sono delle puriste. Che allattiate esclusivamente al seno, che vi copriate o meno, che vi facciate fare il tiralatte o che allattiate con latte artificiale, fate VOI. Confido che abbiate fatto le vostre ricerche, che conosciate le circostanze e le esigenze del vostro bambino più di me, e vi sostengo. Sono grata di conoscere altre fantastiche aziende che fanno lo stesso”, racconta una mamma.

  • Ingorgo. Quei primi giorni in cui il latte arriva e il vostro seno sembra enorme e si sente come una roccia. Sì, sembra divertente. I cuscini terapeutici aiutano molto ad entrare nel ritmo dell’allattamento.