Le 10 regole per far dormire bene i bambini

regole per far dormire bambini

Ci sono delle regole fondamentali che possono aiutare i bambini a dormire meglio e i genitori a non andare incontro a lunghe nottate insonni. Basta poco per abituare i più piccini a dormire e a godere effettivamente del riposo.

Le 10 regole per far dormire i bambini

1. Rispettare l’orario ogni sera

Dare un orario ai propri bambini entro cui mettersi a letto è basilare per un sonno regolare e riposante. Infatti abituare i bambini fin dalla tenera età ad andare a letto sempre alla stessa ora potrà rivelarsi particolarmente utile. Ciò vuol dire che i ritmi della famiglia si adatteranno a quelli del bambino evitando che possa avvenire il contrario. Mai assecondare i desideri del bambino come giocare un po’ in più oppure aspettare il rientro di un genitore da lavoro. Le buone abitudini che vengono prese e mantenute fin da quando si è bambini non potranno che dare grandi risultati per il sonno.

2. Far dormire il bimbo nella stessa camera

Non cambiare ambiente è fondamentale per i più piccoli. Nel momento in cui essi prendono dimestichezza e conoscenza con una stanza potranno sentirsi a loro agio. E lì dunque potranno dormire senza problemi e soprattutto senza “disturbare” il sonno dei propri genitori. Meglio optare per camere opportunamente preparate, meglio se con luci soffuse e prive di tv o altri dispositivi tecnologici in funzione. Si potrebbe scegliere una dolce musica da sottofondo che potrebbe farlo rilassare e aiutarlo a prendere sonno. Il divano è nemico del buon sonno per i bambini: farli dormire mentre guardano la tv è un’abitudine scorretta e che potrebbe avere conseguenze deleterie per il loro sonno di lì a qualche anno.

3. Alimentazione e addormentamento: due fase differenti

Gestire l’alimentazione del bambino dalla fase dell’addormentamento è necessario per fare in modo che dorma bene. Infatti nei primi mesi non si nota con facilità quando stia crollando, ma col passare del tempo ciò diventa evidente. Dunque è bene staccarlo dal seno non appena chiude gli occhi oppure non succhia più il capezzolo.

4. Mantenere costante l’orario dei pasti

Nell’arco della giornata è preferibile non cambiare continuamente l’orario dei pasti. Anche qualora il bambino vada ad un asilo nido, è meglio non sfalsare i tempi per il pranzo, per la merenda e per la cena. Dunque gli orari dei genitori dovranno adattarsi al meglio a quelli del piccolo in maniera tale che possa sentirsi a proprio agio e non far caso agli stravolgimenti.

5. Mai tablet e dispositivi dopo cena

Meglio spegnere tutti i vari dispositivi tecnologici subito dopo aver cenato. La luce di questo tipo di device infatti contribuisce a ridurre la produzione di melatonina soprattutto nei bambini. Questa molecola permette di addormentarsi e di vivere un sonno sereno. Questi perciò vanno spenti almeno un’ora prima di andare a dormire, ma se non li si usa è meglio. Durante la notte vanno tenuti spenti la tv e il pc, oltre che il cellulare.

6. Occhio a cibo e acqua prima del sonno

Un’attenzione maggiore ci vuole per quanto concerne i pasti del bambino. I genitori farebbero bene ad evitare cibo e latte, oltre che vari liquidi come camomilla, durante i risvegli notturni e soprattutto prima di dormire. Questi potrebbero non risultare semplici da digerire e perciò potrebbero causare vomito nell’arco della notte.

7. L’importanza della luce

Il ritmo sonno-veglia è fondamentale per il benessere del corpo umano. Il che vuol dire che bisogna regolare bene la luce dell’ambiente: essa deve essere maggiore al risveglio, mentre nell’arco della notte è preferibile optare per il buio. L’alternanza luce e buio permette di regolare il ritmo e di dormire in maniera riposante.

8. No sostanze eccitanti!

I bambini non dovrebbero utilizzare sostanze eccitanti come caffé e té già normalmente. Ma soprattutto in caso di disturbi del sonno è meglio non farli assumere dopo le 16. In questa fascia oraria, fino a che non va a dormire, gli effetti eccitanti potrebbero essere ben visibili. Attenzione anche alla cioccolata.

9. Alimentazione equilibrata

Durante la giornata il bambino deve bere sufficientemente, almeno un litro e mezzo d’acqua al giorno. Inoltre sempre meglio prediligere i cibi con fibre e triptofano: quest’ultima è una molecola che porta alla produzione della melatonina. Consigliabile usare alimenti come carne bianca, pesce azzurro, legumi e verdure verdi.

10. No al lettone!

Dopo il decimo mese di vita (volendo anche prima) i bambini vanno abituati a lasciare il lettone di mamma e papà. Essi devono ben dormire anche in un altro ambiente che sarà quello loro per il futuro.