Le antiche e rarissime scarpe di Maria Antonietta sono state battute all'asta

Di Redazione
·2 minuto per la lettura
Photo credit: Heritage Images - Getty Images
Photo credit: Heritage Images - Getty Images

From Harper's BAZAAR

La figura affascinante di Maria Antonietta, ultima regina di Francia, ha nel tempo dato vita ad un vero e proprio culto. I suoi gioielli, i suoi abiti, i suoi ritratti, le sue stanze. Tutti gli oggetti e i luoghi che in qualche modo hanno visto il suo passaggio o da lei sono stati sfiorati in vita, sono stati poi negli anni riprodotti, ricercati e raccontati fin nei minimi dettagli. Per questo motivo ogni volta che un memorabilia del tempo passato fa capolino nel ventunesimo secolo, gli acquirenti e appassionati si muovono in fretta, consapevoli della rarità dell'evento.

È stato questo il caso di una scarpa appartenuta proprio a Maria Antonietta che domenica 15 novembre è stata battuta dalla casa d’aste Osenat per ben 43.750 euro (la base di partenza era tra gli 8 e 10mila euro). Si tratta di una scarpa destra appartenuta all'ultima regina di Francia, con una particolare iscrizione sul tacco: Soulier de Marie-Antoinette donné à M. de Voisey ovvero scarpa di Maria Antonietta donata a M.de Voisey.

La calzatura è arrivata fino ai giorni nostri tramandata dalla famiglia di Marie Emilie de La Chapelle, una cara amica della prima cameriera della monarca francese. Realizzata in seta e pelle di capretto, è decorata da quattro nastri plissettati sovrapposti e una suola in cuoio. Il numero è un 36/37 europeo. “Maria Antonietta è un personaggio mitico. C'è una vera passione intorno a lei, in tutto il mondo. Questo pezzo è molto raro e molto fragile. Tutto ciò che è tessile poi soffre con il passare degli anni", ha dichiarato ad Actu.fr, Jean Jean-Christophe Chataignier, direttore del dipartimento Empire & Historical Memories di Osenat.

La scarpa fa parte di una vendita dal nome “La Royauté À Versailles” che includeva, oltre a diverse lettere, ritratti e manoscritti pregiati, un baule utilizzato da Maria Antonietta per il trasferimento a Conciergerie, la prigione dove venne tenuta prigioniera prima di essere ghigliottinata nel 1793. Realizzato in legno e rivestito in pelle è caratterizzato da un'iscrizione: Garde Robe De La Dauphine.