Le buone maniere a tavola: come insegnarle al bambino

·3 minuto per la lettura
Insegnare le buone maniere a tavola
Insegnare le buone maniere a tavola

Insegnare le buone maniere a tavola è un compito arduo? Sì e no, tutto dipende dall’avere aspettative adeguate all’età. Per esempio, potete aiutare vostro figlio a lavorare su alcune semplici buone maniere, come non gettare il cibo e sedersi durante il pasto. Tuttavia, tenete presente che un bambino può ragionevolmente stare seduto a tavola solo per circa 10 minuti – in una buona giornata.

Le buone maniere a tavola sono abitudini che si costruiscono nel corso della vita. I neonati e i bambini piccoli non hanno il controllo degli impulsi, la pazienza o la capacità di controllare il loro comportamento che hanno i bambini più grandi e gli adulti.

Come insegnare al bambino che le buone maniere sono importanti?

Trattando un pasto come un momento speciale per la vostra famiglia per riunirsi e godersi il cibo insieme, nel corso degli anni, il vostro bambino imparerà a rispettare questo tempo. Proprio come per qualsiasi cosa che si cerca di insegnare, la coerenza è importante.

Qual è il modo migliore per insegnare le buone maniere a tavola?

Modellare le buone maniere. Il vostro bambino vuole compiacervi ed essere come voi, quindi il modo migliore per convincerlo a comportarsi bene a tavola è mostrargli come si fa. Mantenete le conversazioni positive ed evitate le critiche, per esempio. Il vostro obiettivo è quello di dimostrare un comportamento appropriato, ma aspettatevi che ci vorrà una ripetizione costante per diversi anni perché il cervello di un bambino sviluppi le connessioni che lo aiutino a capire e ad essere in grado di applicare le buone maniere che state cercando di ottenere.

Riconoscere gli errori. Potete anche far sapere a vostro figlio che anche gli adulti hanno difficoltà a comportarsi bene tutto il tempo e che l’obiettivo è fare del proprio meglio. Se vi ritrovate a sbagliare, trasformatelo in un momento di insegnamento su come essere gentili, facendo e accettando le scuse.

come Insegnare le buone maniere a tavola
come Insegnare le buone maniere a tavola

Fare delle buone maniere un’abitudine. Quando introducete un comportamento, siate coerenti: stabilite e ripetete delle aspettative chiare, e usate dei richiami gentili per rinforzarle. Per esempio, aspettatevi di chiedere pazientemente e frequentemente a vostro figlio di usare “per favore” e “grazie”. Considerate la possibilità di disegnare semplici immagini o di usare delle foto per fare una tabella con un piccolo numero di aspettative durante il pasto, come i piselli sul piatto (non sul pavimento).

La pratica del sedersi. Non aspettatevi che il vostro bambino rimanga seduto più a lungo di qualche minuto, al massimo 10 minuti. Ecco una strategia per aiutarlo ad esercitarsi ad aspettare e a stare fermo a tavola: impostate un grande timer dove può vedere chiaramente il tempo che scorre. Iniziate con piccoli incrementi di tempo e aumentate gradualmente la quantità di tempo in cui chiedete a vostro figlio di stare a tavola.

Cosa fare quando il bambino si comporta male a tavola?

Ignorare il cattivo comportamento. I bambini non si comportano male. I loro giovani cervelli si stanno ancora connettendo in modi che li aiuteranno a imparare e seguire le regole. Per esempio, potete ribadire delicatamente il comportamento che volete vedere dicendo: “Il cibo rimane nel piatto”. Le reazioni, anche quelle negative, tendono a rinforzare un comportamento. Se avete figli più grandi, parlate loro dell’importanza di non reagire alle buffonate dei loro fratelli minori durante il pasto. Si può anche fare un gioco per vedere chi rimane più calmo.

Insegnare le buone maniere a tavola bambino
Insegnare le buone maniere a tavola bambino

Offrire un promemoria. A volte basta un richiamo gentile, come mettere il cucchiaio in mano al vostro bambino quando afferra una manciata di cibo.

Pensare positivo. Siate coerenti con il linguaggio che usate, e assicuratevi di formularlo in modo da enfatizzare ciò che volete che accada, al contrario di ciò che non volete che accada. Se il cibo continua a volare, distribuite porzioni più piccole o designate un posto nel piatto o nel vassoio di vostro figlio per scartare il cibo che non vuole.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli