Le decisioni importanti da prendere in gravidanza: quali sono

decisioni da prendere in gravidanza
decisioni da prendere in gravidanza

Le decisioni importanti da prendere in gravidanza non riguardano solo i colori e l’arredamento della cameretta del bambino o il passeggino da acquistare. Ora che voi e il vostro partner avete preso la decisione definitiva di diventare genitori, ci sono scelte molto più importanti che dovete fare prima dell’arrivo del vostro piccolo. Troppe donne aspettano l’ultimo minuto e per questo motivo alcune opzioni non sono più disponibili. Ecco perché è il momento di sedersi e considerare queste importanti domande.

Le decisioni importanti da prendere in gravidanza

Chi dovrebbe essere il mio medico curante?

Non appena scoprite di essere incinte, è il momento di iniziare a pensare al tipo di medico con cui volete lavorare per tutta la gravidanza e per la nascita del vostro bambino. Voglio farvi sapere che non deve essere necessariamente il vostro attuale medico. Anche se può essere molto gentile e lo conoscete da anni, potrebbe attuare una pratica un po’ diversa da quella che desiderate per il vostro travaglio e la vostra nascita.

Dove devo partorire?

Quando prendete questa decisione, voglio che immaginiate dove vorreste che nascesse il vostro bambino: in ospedale o a casa. Consiglio vivamente di farsi consigliare dalle amiche e di ascoltare le loro esperienze di travaglio e parto.

Devo scoprire il sesso del mio bambino?

Oggi la maggior parte dei genitori in attesa sceglie di scoprire il sesso del proprio bambino durante la gravidanza. Saperlo può aiutarli a sentirsi meglio preparati. È possibile determinare il sesso attraverso un esame del sangue già a 8 settimane o durante l’ecografia a 20 settimane. Altri preferiscono seguire la vecchia strada della sorpresa in sala parto.

importanti decisioni da prendere in gravidanza
importanti decisioni da prendere in gravidanza

Qual è il mio piano per il congedo di maternità?

Comunicare al proprio capo la gravidanza e definire il piano di congedo di maternità è d’obbligo. La maggior parte delle donne di solito comunica al proprio datore di lavoro la grande notizia a 12 settimane (o prima che il pancione inizi a farsi vedere). Questa notizia è sempre apprezzata perché permette di pianificare l’assenza per diversi mesi. Capisco che rivelare la propria gravidanza al datore di lavoro possa essere snervante, ma non c’è nulla di cui preoccuparsi. Una volta annunciata la gravidanza, potrete discutere le opzioni di congedo di maternità presso la vostra azienda e decidere ciò che è meglio per voi e per la vostra famiglia.

Altre domande da porsi

  • Quali sono i miei piani dopo il congedo di maternità?

  • Come devo chiamare il mio bambino?

  • Quale corso di educazione al parto seguirò?

  • Chi deve essere presente al parto?

  • Dovrei usare farmaci antidolorifici?

  • Dovrei allattare al seno o al biberon?

  • Dovremmo conservare il sangue del cordone ombelicale del nostro bambino?

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli