Le fasi del sonno nel neonato: quali sono e cosa c'è da sapere

fasi del sonno neonato
fasi del sonno neonato

Le fasi del sonno nel neonato possono essere confusionarie, ma ci sono alcuni fattori chiave da considerare. Ecco tutto ciò che dovreste sapere in merito; ricordate di garantire la massima sicurezza al vostro piccolo.

Le fasi del sonno nel neonato: cosa c’è da sapere

Capire le fasi del sonno

Il primo passo per comprendere i modelli di sonno del neonato è capirne le fasi. Nel quarto trimestre (0-3 mesi), i bambini hanno una fase di sonno leggero e profondo. Dopo i quattro mesi, passano a più cicli di sonno (simili a quelli degli adulti).

Nella fase leggera, i neonati hanno gli occhi chiusi, ma stanno dormendo ed è più probabile che si sveglino in presenza di rumori o magari delle loro stesse braccia in faccia. In questa fase si spaventano molto più facilmente, ma con l’avanzare dell’età e lo sviluppo di altri stadi del sonno, questo rapido risveglio non sarà più così evidente.

Nella fase profonda del sonno è molto più difficile svegliarli.

Esercitarsi a fare delle pause

Nella fase neonatale e oltre è importante esercitarsi a fare delle pause. Fare una pausa significa prendersi un momento prima di rispondere al neonato durante il sonno. Se emette un grugnito, un vagito o un suono, concedete da 30 secondi a 5 minuti prima di occuparvi di lui nel suo ambiente di sonno sicuro. Se sapete che deve mangiare, potete accorciare la pausa, ma spesso i rumori durante il sonno sono equiparati alla fame o alla voglia di essere svegli, quindi una pausa può aiutare ad assicurarsi che il neonato abbia davvero bisogno della nostra assistenza.

le fasi del sonno neonato
le fasi del sonno neonato

Conoscere i segnali di stanchezza

Nei primi tre mesi, i bambini possono dormire dalle 14 alle 18 ore al giorno. Questo include il sonno notturno e i sonnellini. All’inizio saranno svegli per periodi più brevi. Molti neonati di età inferiore alle otto settimane restano svegli da 45 minuti a un’ora prima di riaddormentarsi. È molto importante osservare i segni di stanchezza in questo lasso di tempo, in modo da poter mettere il bambino a dormire. Inoltre, è molto importante capire quando passare da tre a due sonnellini.

Aiutate il bambino a capire bene le sue notti e i suoi giorni

I bambini hanno spesso notti e giorni confusi, dormono di più di giorno e meno di notte a causa della mancanza di melatonina. La melatonina si sviluppa solitamente dopo le quattro settimane, quando i bambini prendono un ritmo più regolare. Spesso i genitori vogliono cambiare presto il ritmo, ma bisogna essere pazienti con loro, soprattutto nel primo mese. Impareranno a capire la differenza tra giorno e notte e i seguenti consigli possono aiutarli a dormire più a lungo entro i due mesi di età!

Abbracciate l’oscurità

Quando il bambino dorme, assicuratevi che sia buio. Le tende oscuranti fanno miracoli. Durante i cambi di pannolino e le poppate nel cuore della notte, riducete le luci al minimo. Quanto basta per fare quello che dovete fare e poi rimetterlo a letto. Quando il bambino è sveglio, lasciate che la luce del sole si diffonda anche all’aperto. La luce del sole lo aiuterà a prendere sonno e a stabilire il ciclo sonno-veglia (dormiamo durante la notte e siamo più svegli durante il giorno).