Le finestre aperte in classe fanno disperdere il virus, lo studio

Primo Piano
·1 minuto per la lettura

Le finestre aperte nelle classi aiuterebbero a far disperdere fino al 70% delle particelle di virus. A svelarlo è una ricerca pubblicata sulla rivista Physics of Fluids condotta dai fisici dell’Università americana del Nuovo Messico che hanno calcolato come ridurre la circolazione del nuovo coronavirus a scuola, all’interno delle classi.

La ricerca, che ha preso in studio il trasporto di aerosol e goccioline di saliva all’interno degli ambienti chiusi, aiuta a stabilire misure efficaci per contrastare la diffusione del virus. Utilizzando un modello sulla dinamica delle particelle fluide per esplorare il trasporto di aerosol all’interno di una classe con aria condizionata, gli studiosi hanno dimostrato che la distribuzione dell’aerosol all’interno della stanza non è uniforme e che “le particelle possono essere trasmesse da uno studente ai banchi o ai vestiti di altri studenti, anche se tenuti separati da una distanza di 2,4 metri”.

LEGGI ANCHE - Covid, Oms: "Impennata in Europa per errori su quarantena"

Khaled Talaat, uno degli autori della ricerca, ha sottolineato che “la posizione dello studente all’interno dell’aula influisce sulla probabilità di trasmettere particelle ad altri e di riceverle”, ma che “quasi il 70% delle particelle esce dal sistema quando le finestre sono aperte”.

VIDEO - Coronavirus, arriva il coprifuoco per Milano

“L’aria condizionata rimuove fino al 50% delle particelle rilasciate durante l’espirazione e la conversazione, ma il resto si deposita sulle superfici all’interno della stanza e può rientrare nell’aria” ha spiegato l’esperto che ha ribadito l’importanza dell’utilizzo di sistemi di filtrazione e sterilizzazione efficaci nei condizionatori d’aria.

LEGGI ANCHE - Pregliasco: "La situazione in Lombardia è esplosiva"

Lo studio afferma anche che schermi protettivi posti davanti ai banchi ridurrebbero ulteriormente la trasmissione di particelle da uno studente all’altro perché “influenzano la circolazione del flusso d’aria vicino alla sorgente, facendo cambiare le traiettorie delle particelle”.