Le parole di Tiziano Ferro per l'amica Laura Pausini sono preziose come/più di un Oscar

Di Monica Monnis
·2 minuto per la lettura
Photo credit: Morena Brengola - Getty Images
Photo credit: Morena Brengola - Getty Images

Vero, Laura Pausini non ha conquistato l'Oscar ma si è portata a casa una quantità infinita di attestati di stima ed affetto in grado di trasformare la débâcle in un successo (nel suo caso l'ennesimo). La statuetta tanto attesa per l'Italia non è arrivata (a trionfare H.E.R., già vincitrice del Grammy con Fight for you, scritta per il film Judas and the Black Messiah ndr), la delusione c'è stata, ma l'esibizione di Io sì/Seen dalla spettacolare terrazza dell’Academy Museum of Motion Pictures disegnato da Renzo Piano, è stata da pelle d'oca e ha rinvigorito l'orgoglio nazionale. Di dimensioni epiche il maxi abbraccio tricolore in cui è stata avvolta Laura Nazionale (il suo post di ringraziamento è stato letteralmente invaso da cuoricini e commenti): tra gli omaggi più belli, le parole di Tiziano Ferro preziose come/più di un Oscar.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

"Orgoglioso": così si definisce Tiziano Ferro facendosi portavoce di un Paese intero. "Quanto abusiamo di questa parola ultimamente", scrive il cantante di Latina, proprio insieme a Laura uno dei personaggi born in Italy più conosciuti, amati e apprezzati all'estero, postando una sua foto insieme al marito Victor e all'amica e collega, "Sei un esempio di talento, determinazione, visione, mi hai aiutato tanto quando ero piccolo e confuso e questo non lo dimenticherò mai", continua, "brava amica mia! Perché il premio é tuo, a prescindere. E no, in questo caso non è dire troppo: sono orgoglioso di te!". Un messaggio impossibile da non piacciare per la quantità di verità assoluta che racchiude.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Tanti i personaggi che hanno reso omaggio a Laura, che hanno commentato il suo post Instagram in cui ringraziava The Academy, Diane Warren che ha curato la musica, Bonnie Greenberg (produzione esecutiva), il "paroliere" Niccolò Agliardi e Netflix e manifestava tutto la gioia di "aver fatto parte di un progetto così speciale come 'The Life Ahead' con Edoardo Ponti e Sophia Loren". Da Achille Lauro a Emma Marrone, da Alessia Marcuzzi a Caterina Balivo, da Pier Paolo Piccioli artefice del suo look meraviglioso a Giorgia e Diodato (ma la lista è davvero infinita). Un'esperienza unica, "uno dei regali più grandi che la vita potesse farmi" cit., e come darle torto.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

E poi il live en plein air andato in onda durante il pre-show, "un sogno che mai avrei potuto mai sperare si avverasse ancora di più in un'edizione così storica". Al pianoforte rosso la grazia di Diane, poi la magia dell'orchestra (girl power) in abiti color vermiglio e lo splendore di Laura luminosa in tailleur dorato di Valentino (sotto il quale ha rivelato di nascondere una bacchetta magica portafortuna) con lo skyline di Los Angeles a completare il tableau vivant. "Orgogliosi" ed è quasi un eufemismo.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.