Le residenze (di lusso) firmate David Adjane e Aston Martin dominano lo skyline di New York da un grattacielo

Di Redazione Digital
·3 minuto per la lettura
Photo credit: 130 William
Photo credit: 130 William

From ELLE Decor

Dall'auto DBX all'home living, la prestigiosa casa automobilistica Aston Martin avvia una collaborazione con l'architetto visionario Sir David Adjaye e Lightstone, una delle più grandi società immobiliari degli Stati Uniti, per realizzare cinque residenze di lusso nel contesto del 130 William, il nuovo complesso residenziale (ambitissimo) di New York.

Photo credit: 130 William
Photo credit: 130 William
Photo credit: 130 William
Photo credit: 130 William

Le abitazioni si presenteranno come un ibrido fra l'architettura personalizzata dagli interni artigianali e del design elegante. Il Chief Creative Officer di Aston Martin, Marek Reichman, ha dichiarato che si tratti di "un progetto affascinante su cui lavorare, è una grande opportunità in termini di collaborazione con Sir David Adjaye. È il nostro primo progetto immobiliare a New York City, ma la nostra seconda collaborazione nella progettazione immobiliare dopo le Aston Martin Residences a Miami. Possiamo applicare ciò che abbiamo imparato a Miami e portare le nostre competenze uniche nel campo del design automobilistico in queste bellissime case di lusso".

Photo credit: 130 William
Photo credit: 130 William
Photo credit: 130 William
Photo credit: 130 William

Il 130 William conterà 242 residenze su una superficie di oltre 20mila metri quadrati fra servizi, un grande parco e una piazza. L'edificio è a tutti gli effetti un grattacielo e domina lo skyline di Manhattan con i suoi 66 piani spalmati su 244 metri di altezza. La facciata è una dichiarazione architettonica all'insegna della contemporaneità che si intreccia con i materiali dell'architettura classica e tradizionale della città. I dettagli in bronzo, eleganti, si intrecciano a un'interpretazione e lavorazione della pietra tipica sulle facciate di Manhattan. Il ritmo strutturale è invece scandito dalle grandi finestre che si ispirano ai loft che un tempo dominavano il paesaggio della zona.

Photo credit: 130 William
Photo credit: 130 William

Sir David Adjaye, ha dichiarato: "È stato emozionante trovare l'opportunità di collaborare con il team di Aston Martin. Le case di William Aston Martin sono state toccate in un modo molto particolare che unisce le nostre sensibilità progettuali. Insieme ai SUV in edizione limitata che accompagnano queste unità, abbiamo creato una firma davvero unica che fonde le nostre due discipline".

Photo credit: 130 William
Photo credit: 130 William

Le abitazioni Aston Martin si troveranno al 59esimo e al 60esimo piano del complesso residenziale. La loro loggia privata esterna si estenderà per tutta la lunghezza della residenza e si collocherà dietro ai ritmi unici della facciata dell'edificio con schermi su misura che dividono i balconi in una serie di zone distinte per il pranzo e il relax. I mobili sono firmati Aston Martin Home Collection dell'azienda italiana Formitalia. L'ascensore è un elemento che integra design e tecnologia. Sotto agli intrecci in bronzo iconici Aston Martin, si trova la carta da parati disegnata disegnata da Adjaye Associates. Uno specchio in vetro fumé creato su misura da Aston Martin Design riflette la vista dello skyline in una caratteristica forma ad arco che riprende gli archi della facciata. Il soggiorno, dalla linea pulita e con vista sulla città, è arredato da tessuti e accessori curati da Marek Reichman e Sir David Adjaye. Dai divani alle poltrone, ogni pezzo è realizzato in Italia e combinato con elementi in pelle, metallo e tessuto. La sensazione tattile recupera quella delle automobili firmate Aston Martin.

Photo credit: 130 William
Photo credit: 130 William

Accanto alla sala da pranzo, la cucina si presenta all'avanguardia ma con un chiaro richiamo ai materiali naturali - a partire dal marmo selezionato a mano dalle Alpi Apuane in Toscana e un piano a sbalzo in marmo Nero Marquina. La zona notte si arreda di un letto con testiera in cashmere personalizzato e sottili dettagli in metallo, accanto ai comodini e ai tavolini di Formitalia. Sono inoltre presenti ampie cabine armadio, l'illuminazione a parete di Boffi, un sistema di binari luminosi Flos e una poltrona lounge di Hans Wegner. In alternativa, le stanze possono diventare sede di home office dal design personalizzato e si sostegno allo smart working. Insomma, quando si dice: "design e motori".

www.130william.com