Le sorprese di compleanno dei figli di Daria Bignardi le (e ci) hanno sciolto il cuore

Di Elisabetta Moro
·3 minuto per la lettura
Photo credit: Stefania D'Alessandro - Getty Images
Photo credit: Stefania D'Alessandro - Getty Images

From ELLE

Come reagirebbe Daria Bignardi davanti a un'intervistatrice come lei stessa, magari ospite proprio di una delle sue trasmissioni? Lei che è così riservata, da alcuni definita "algida" e persino "snob" come risponderebbe alle domande taglienti che è abituata a sottoporre ai suoi ospiti in studio? È probabile che se la caverebbe egregiamente perché, se c'è una cosa che abbiamo imparato negli anni in cui l'abbiamo vista destreggiarsi tra la tv, la carta stampata e la radio, è che Bignardi sa essere più cose insieme, amalgamando le contraddizioni e tirando fuori, ogni volta, tutta la sua passione e le sue doti di grande comunicatrice. Così, chi la ritiene troppo fredda, dovrebbe forse dare un'occhiata al suo ultimo post su Instagram e poi farci sapere. Perché, nel giorno di San Valentino, Daria Bignardi ha festeggiato il suo 60esimo compleanno e ci ha regalato alcuni scatti di lei commossa e felice con i figli segno che, quando la vita è piena di soddisfazioni, gli anni che passano sono solo un regalo per cui ringraziare.

"È stato un compleanno meraviglioso", ha scritto su Instagram la giornalista, "In questa sequenza di fotografie sono in lacrime perché uno dei regali è stata la notizia che il mio bimbo grande ha passato l’ultimo ostico esame e si laurea ad aprile. La mia bimba piccola ha organizzato forse il più bel compleanno della mia vita dopo quello degli otto anni. I miei adorati colleghi mi hanno regalato una mucca adottiva ed amici e parenti fiori, piante e torte deliziose". Nelle foto vediamo Bignardi abbracciata a suo figlio Ludovico, 23 anni, nato dal suo primo matrimonio con Nicola Manzoni e intenta a festeggiare davanti a una torta che sua figlia Emilia (18 anni a marzo, avuta dall’ex marito Luca Sofri) le porge sorridente. "Grazie a tutti per gli auguri", ha concluso, "sono commossa, un po’ sbronza e molto felice".

Questi 60 anni di Daria Bignardi sono una costellazione di successi che l'hanno resa il personaggio pubblico amato e stimato che conosciamo. Gli esordi in televisione nei primi anni ‘90 collaborando con Gad Lerner su Rai 3, poi Mediaset e la prima edizione de Il Grande Fratello nel 2000: tutto senza mai venire meno a sé stessa e riuscendo a portare la sua cifra stilistica in progetti diversissimi tra loro mostrando un approccio poliedrico che non teme le contraddizioni. Nel 2004 inizia la sua collaborazione decennale con La7: Le Invasioni Barbariche punta sul sullo stile ironico e sferzante della conduttrice che mette all'angolo i suoi ospiti costruendo conversazioni profonde, divertenti e spesso e volentieri molto accese. Diventa presto un successo.

Comunque appena finisce un progetto Bignardi ne inizia uno nuovo, dà il massimo e poi si reinventa, cambia obiettivo, sceglie un nuovo mezzo di comunicazione. Passa per la radio (dal 2020 è su Radio Capital con L'intrusa - L'ora Daria), per il teatro, dirige Rai3 e torna alla televisione con l'Assedio che dal 2019 conduce sul canale Nove. Nel frattempo si dedica a quella che forse è la sua più grande passione: i libri. Nel 2009 esce il suo primo romanzo autobiografico Non vi lascerò orfani, poi l'anno successivo Un karma pesante e nel 2012 è la volta di L'acustica perfetta. Nel 2020 è uscito il suo ultimo e settimo libro Oggi faccio azzurro.

A fianco della sua vita professionale si alternano gli amori, nati e finiti, i matrimoni, i figli che crescono, le gioie, i dolori e le difficoltà come il tumore al seno che Bignardi ha dovuto affrontare e di cui ha raccontato nel suo libro Storia della mia ansia. Sono frammenti che vanno a comporre il ritratto di una donna che sperimenta con passione senza mettersi freni: "Faccio tutto quel che devo e che posso, do tutto, poi volto pagina" ha raccontato a Vanity Fair. Sono pezzi di vita preziosi tutti racchiusi in quelle candeline soffiate con gioia, in compagnia di chi conta davvero.